Manlio Boutique

Dal 24 al 29 gennaio il seminario del maestro giapponese si svolgerà a Napoli.

Segnaliamo un seminario di danza butoh che si terrà presso la sede di Chiaradanza di Napoli, dal 24 al 29 gennaio (con una pausa giovedì 26 gennaio). Ad occuparsene sarà il maestro Masaki Iwana, uno più affermati nella disciplina di danza teatrale giapponese.

Masaki Iwana

Dal 24 al 29 gennaio 2012, con i seguenti orari:

martedì 24 – h. 10.00/14.00
mercoledì 25 – 10.00/14.00
giovedì 26 – pausa
venerdì 27 sabato 28 domenica 29 – h. 11.00/17.00;

per un massimo di 20 partecipanti e al costo di 150 euro, si terrà il seminario di danza butoh di Masaki Iwana. Lo spazio è quello di Chiaradanza, a Napoli, in Via San Filippo n. 10.

 

 

Masaki Iwana (Tokyo, 1945)

Danzatore, coreografo, formatore, regista Masaki Iwana è oggi uno dei danzatori e performer più acclamati di danza Butoh .

Inizia la sua carriera nel 1975 e fino al 1982 ha presentato 150 performance sperimentali in alcune delle quali compare completamente nudo e immobile. Da allora in Europa e in Giappone ha presentato performance e workshop in 35 paesi e ha creato “lavori” costruiti profondamente sulla sua estetica. È fondatore e direttore dell’istituto La Maison du Butoh Blanc nato per la ricerca della danza Butoh.

Nel 2006 ha diretto il suo primo film Vermilion Souls’.

Alcuni dicono che l’essenza del Butoh sta nel meccanismo attraverso il quale il danzatore smette di essere se stesso e diventa qualcuno o qualcosa d’altro. Questa concezione della danza è evidentemente molto diversa da quella convenzionale in cui il corpo del danzatore esprime un’emozione o un’idea astratta.

La cosa importante non è trasformarsi in qualcuno o qualcosa, ma la metamorfosi in sé, il fatto che ci si trasformi.

“You can dance like a flower, you can imitate it and it will become the flower of everyone, banal and lacking interest; but if on the contrary, you put the beauty of that flower and the emotion that it evokes into your dead body, then the flower you will create will be unique and true” Kazuo Ohno. (Puoi danzare come un fiore, puoi imitarlo ed esso diventerà il fiore di tutti, banale e di scarso interesse; ma se, al contrario, metti la bellezza di quel fiore e l’emozione che evoca dentro il tuo corpo morto, allora il fiore che avrai creato sarà unico e vero)

Non è dunque la descrizione o la simbolizzazione che stanno alle fondamenta del Butoh.

È la metamorfosi. È questa ricerca che costituisce la forza del Butoh.

 

 

Informazioni allo 0812461173 o a info@chiaradanza.it.

Print Friendly

Manlio Boutique