Manlio Boutique

Alla prima de L’opera da tre soldi i precari hanno denunciato la loro condizione.

Ispirati dall’opera di Brecht in scena al Teatro San Carlo di Napoli e dalla insostenibile condizione in cui versa l’Arte tutta, gli operatori culturali si sono fatti sentire.

La sera della prima, il Comitato indipendente per un Teatro bene comune ha organizzato un sit-in di protesta contro Luca De Fusco, regista de L’opera da tre soldi. Alcuni esponenti, presentatisi davanti al Teatro San Carlo con gli striscioni, in modo assolutamente pacifico ma deciso, hanno distribuito volantini agli spettatori spiegando i motivi del loro dissentire. Ciò che contestano è innanzitutto il potere di De Fusco, attualmente direttore artistico del Teatro Stabile di Napoli, del Teatro San Ferdinando e del Napoli Teatro Festival, e il conflitto di interessi che ciò viene a creare e che comporta uno squilibrio nella gestione dei fondi e nella programmazione dei teatri. In particolare tre sono le domande che il caso emblematico dell’Opera da tre soldi firmata De Fusco lascia aperte:

1)Se il Teatro Pubblico è un bene comune, non dovrebbe essere considerato indisponibile a interessi personali e allo sfruttamento economico?

2)Le opportunità di lavoro non dovrebbero essere equamente ripartire e retribuite, tratatndosi di fondi pubblici destinati al sostegno dell’intero comparto teatrale?

3)Come recita lo stesso sig. Peachum nell’opera di Brecht: Siamo diventati davvero insensibili all’ingiustizia? Tanto da accettare senza lcuna indignazione, tali incongruenze?

Altro importante motivo di protesta è la mancata retribuzione di decine di attori e lavoratori relativamente al NTF di ben due anni fa. A ciò si aggiunga anche l’assenza di ammortizzatori sociali e dell’assegno di disoccupazione.

Da sottolineare, la presenza dietro gli striscioni di alcuni occupanti del Teatro Valle di Roma che hanno supportato l’iniziativa partenopea.

È più che probabile che la manifestazione dell’altra sera non rimanga un caso isolato e che presto ci siano nuove iniziative.

 

 

Print Friendly

Manlio Boutique