Manlio Boutique

Due spettacoli, due punti di vista diversi per raccontare l’assurdità del nazismo e la guerra.


Una immagine dello spettacolo Sotto Berlino (foto di Federico Riva)

Da giovedì 26 a sabato 28 gennaio ore 21 e domenica 29 ore 18 il Teatro Instabile Napoli presenta La moglie ebrea di Bertolt Brecht, con Miriam Campaniello, per la regia di Michele Del Grosso e Sotto Berlino di Gianni Guardigli, con Francesca Annunziata, Antonio Atte, Roberto Giordano, Maia Salvato, Maria Sperandeo. Musiche dal vivo di Igor De Vita; adattamento e regia di Iolanda Salvato.

 

Ambientata in uno spazio claustrofobico, dove la protagonista si muove come un leone in gabbia e la quarta parete è completamente eliminata per favorire il dialogo con gli spettatori che dapprima rappresentano i fantasmi di tutti gli ebrei che hanno perso la vita nei campi di concentramento e poi, nel corso della pièce, si trasformano in aguzzini, in tedeschi nazisti capaci di qualsiasi mostruosità, con La moglie ebrea il regista Del Grosso non mette in scena solo la vicenda di un’ebrea vissuta nel periodo nazista, ma pone l’attenzione sull’esperienza di una donna che per un atto d’amore e di coraggio rinuncia a tutto: a se stessa, alla propria femminilità, alla propria agiatezza, alla famiglia, andando decisa a testa alta verso una morte certa e orribile.

Sulla guerra e sull’umanità che c’è dietro ogni conflitto, indaga, invece, Sotto Berlino.

«In un tempo come il nostro – afferma la regista Salvato – non è facile parlare di guerra. Eppure, siamo in guerra costantemente, la subiamo dal mondo e la facciamo ai nostri vicini. Ho creato questo spettacolo per raccontare le continue battaglie della vita quotidiana e per farlo ho messo da parte sia la politica che la storiografia. In scena ci sono cinque persone, esseri umani con un passato differente, e forse senza futuro, che convivono e si raccontano tra gli sfregi della guerra. Per farlo, mi sono affidata alla parola scritta e alla parola detta attraverso i suoni, le luci e le tavole da palcoscenico».

 

TIN – Teatro Instabile Napoli

Vico Purgatorio ad Arco, 38

Info e prenotazioni:

cell.  338 473 12 71

http://teatroinstabile.ning.com/

 

Print Friendly

Manlio Boutique