Manlio Boutique

La rassegna teatrale, alla vigilia dell’ inizio, fa tappa alla libreria di via Luca Giordano per parlare di “leggerezza”.

Il 30 maggio 2012 alla Fnac, è stata  presentata dal direttore artistico Luca De Fusco la quinta edizione del Napoli Teatro Festival Italia, in programma dal 7 al 24 giugno, che vedrà la città partenopea trasformarsi in un enorme palcoscenico. Oltre ai classici teatri della città, infatti, altri insoliti scenari (30 luoghi) ospiteranno alcuni degli spettacoli in cartellone.

La parola cardine della manifestazione è Leggerezza, quella leggerezza tanto acclamata da Calvino nelle sue lezioni americane e che non è da intendersi nel significato di superficialità bensì in quello di eliminazione del superfluo che, troppo spesso, nasconde l’essenziale.

Cercare, dunque, di allontanare il senso quasi sacrale della cultura è ciò che la rassegna teatrale si prefigge e De Fusco e i suoi ospiti non hanno mancato in proposito di citare due grandi cantanti italiani che si sono fatti portavoce della leggerezza: Modugno con la sua “Nel blu dipinto di blu” e Giorgio Gaber con “Leggerezza”.

All’incontro sono intervenuti Alessandro Preziosi, impegnato in  L’igiene dell’assassinio, spettacolo coprodotto con il Teatro Stabile D’Abruzzo, di cui é direttore artistico, e tratto da un famosissimo romanzo di Amèlie Nothomb; Cristina Donadio protagonista de La Casa Morta di Pierpaolo Sepe e il professore Lucio d’Alessandro, rettore dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e consigliere d’amministrazione della Fondazione Campania dei Festival che organizza il Napoli Teatro Festival.

A chiusura della presentazione, il pubblico ha assistito alla perfomance di danza tratta dallo spettacolo Welcome on board, progetto a cura di Gennaro Cimmino, con la regia e la coreografia di Francesco Nappa.

 

Print Friendly

Manlio Boutique