Manlio Boutique

Cronache teatrali dall’«Avanti!», 1916-1920

L’uomo che incontrò se stesso di L. Antonelli al Carignano

La compagnia Gandusio ha egregiamente recitato per la prima volta a Torino questa commedia dell’Antonelli. Un lavoro che si stacca nettamente da tutta la serie di novità della stagione, per arditezza di concezione e signorilità di svolgimento.

Questo strano sogno che l’autore ha portato sulla scena, superando difficoltà di tecnica teatrale chesembravano insormontabili, questa fine satira della vita ha stupito il pubblico a cui da tempo non si ammanniscono lavori atti a sviluppare un pensiero.

Molte cose buone si possono e si debbono attendere da questo giovane autore che sembra fornito di tutte le doti che occorrono per forgiare opere che lascino traccia nella vita del teatro e a cui arrise al Carignano il piú completo successo colla sua fantastica avventura.

A ogni fine d’atto vi furono applausi e chiamate all’autore.

Il Gandusio recitò come sempre, bene, e la Pini impersonò in modo perfetto la donnina frivola che non riesce a concepire il male, ma che lo fa, spinta fatalmente a esso da una forza che la domina.

Anche l’Almirante, che impersonava l’altro io, seppe dar risalto alla figura del giovane che non conosce il mondo e le sue sozzure, che non crede al male, né vi vuol credere e che non vede che rose sul suo cammino in questa bella primavera della vita dei suoi venti anni.

(2 ottobre 1918)

Antonio Gramsci

Print Friendly

Manlio Boutique