Manlio Boutique

Trionfa tra gli altri Antonio Latella per migliore regia. Direttamente da Milano la diretta streaming.

 

Antonio Latella

L’avevamo annunciato: i Premi Ubu son tornati e i nostri son vincitori. Non solo Antonio Latella, artista napoletano d’eccezione, porta a casa il premio per la migliore regia, ma anche le attrici e gli attori del coraggioso progetto di Punta Corsara (ovvero Mirko Calemme Giuseppina Cervizzi, 
Christian Giroso, Vincenzo Nemolato, Valeria Pollice, Antonio Stornaiuolo, Giovanni Vastarella) trionfano con il premio under 30.  Stasera la premiazione a Milano dalle 18.30, presso il Piccolo Teatro di via Rotello (seguibile in streaming sul sito www.studio28.tv).

Qui di seguito tutti i vincitori di questa trentacinquesima edizione.

Spettacolo dell’anno: “The Coast of Utopia” di Tom Stoppard, regia di Marco Tullio Giordana (Teatro Stabile di Torino, Teatro di Roma, Zachar Produzioni)

Miglior regia: Antonio Latella per “Un tram che si chiama desiderio” di Tennessee Williams, regia di Antonio Latella (Ert-Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Stabile di Catania)

Miglior scenografia: Lino Fiorito (“Giù”)

Miglior attore: Saverio La Ruina (“Italianesi”)

Miglior attrice: Daria Deflorian (“Reality” e “L’origine del mondo”)

Miglior attore non protagonista: Fausto Russo Alesi (“Santa Giovanna dei macelli”)

Miglior attrice non protagonista ex aequo in ordine alfabetico: Federica Santoro (“L’origine del mondo”); Elisabetta Valgoi (“Un tram che si chiama desiderio”)

Nuovo attore o attrice (under 30): Lucrezia Guidone; gli attori e le attrici di Punta Corsara (Mirko Calemme Giuseppina Cervizzi, 
Christian Giroso, Vincenzo Nemolato, Valeria Pollice, Antonio Stornaiuolo, Giovanni Vastarella)

Nuovo testo italiano o ricerca drammaturgica: “L’origine del mondo” di Lucia Calamaro

Nuovo testo straniero: “The Coast of Utopia” di Tom Stoppard

Miglior spettacolo straniero presentato in Italia: “Richard III” da William Shakespeare, regia di Sam Mendes (The Old Vic, BAM – Brooklyn Academy of Music, Neal Street – London)

Premi speciali:

– DOM La cupola del Pilastro di Laminarie, spazio che lavora sui confini tra produzione in residenza e ospitalità, tra città e periferia, tra migrazione e memoria, tra infanzia e età adulta, tra ricerca teatrale e ascolto dell’ambiente circostante al quartiere Pilastro di Bologna.

– Il Funaro – centro culturale di Pistoia fondato e condotto da Massimiliano Barbini, Lisa Cantini, Antonella Carrara, Mirella Corso, Francesca Giaconi di Teatro Studio Blu – per l’attività di residenza e formazione artistica, per il proficuo dialogo con la critica e per l’apertura alla scena internazionale nonostante l’assenza di finanziamenti pubblici.

– Claudio Morganti per la coerenza e l’ostinazione di un percorso artistico, laboratoriale e intellettuale che attraverso la fondamentale distinzione tra teatro e spettacolo, elaborata anche nel “Serissimo metodo Morg’hantieff”, riafferma l’autonomia poetica della scena.

– Anatolij Vasil’ev per il triennale progetto “Pedagogia della scena” (Fondazione di Venezia – Euterpe Venezia, Scuola Paolo Grassi – Fondazione Scuole Civiche di Milano), corso di formazione dove gli allievi sono futuri pedagoghi con i quali il regista ha costruito, attraverso il metodo degli “etjud”, un’esperienza di forte relazione personale e artistica, ponendo le basi per istituire una vera e propria scuola internazionale nella cornice unica della città di Venezia.

– “Eresia della felicità” di Marco Martinelli/Teatro delle Albe (Santarcangelo e Venezia), una straordinaria alchimia di poesia majakovskijana ed energia adolescente, afflato pedagogico e domande teatrali, innervata nella vocazione “asinina” e “dionisiaca” di un maestro-bambino intento, con l’intero percorso della non-scuola, a “salvare il mondo coi ragazzini”.

Premio Alinovi assegnato a Davide Bertocchi

Premio Rete Critica assegnato a Daniele Timpano per “Aldo morto”

 

Un po’ di storia: I Premi Ubu
Organizzati nel 2012 per la prima volta dall’Associazione Ubu per Franco Quadri, sono nati nel 1977 per volontà del critico, studioso, giornalista e promotore culturale, che nello stesso anno apre la casa editrice Ubulibri. I Premi segnalano le produzioni italiane che hanno debuttato dal 1 luglio 2011 al 30 giugno 2012, organizzate in un database consultabile sul sitoateatro.org/premioubu.asp
Un gruppo di critici, giornalisti, studiosi – i “referendari” – procede a una prima fase di votazione in base a un elenco di categorie (sulle quali sarebbe importante e necessario intavolare una discussione aperta per procedere a un loro aggiornamento o ripensamento). Chi ha ricevuto il maggior numero di voti, purché siano almeno sei, accede al ballottaggio (le “terne”, consultabili qui), dove i referendari possono indicare un solo nome per categoria, esclusi i premi speciali (fino a tre preferenze). Vince che riceve il maggior numero di voti assoluti. Per i premi speciali avranno diritto al Premio i candidati che nel conteggio finale raggiungano un numero di voti almeno pari a quello del meno votato tra i vincenti delle altre categorie.

Per una panoramica delle attività della nuova Associazione Ubu per FQ, fondata da Jacopo e Lorenzo Quadri, si può consultare il sito ubuperfq.it

Per cenni storici e informazioni sulle attività di Ubulibri si può consultare il sito ubulibri.it

Hanno partecipato al referendum dei Premi Ubu 2012
Carmelo Alberti, Nicola Arrigoni, Antonio Audino, Anna Bandettini, Rossella Battisti, Andrea Bisicchia, Mario Brandolin, Giorgio Sebastiano Brizio, Claudia Cannella, Roberto Canziani, Moreno Cerquetelli, Mario Cervio Gualersi, Tommaso Chimenti, Rita Cirio, Sergio Colomba, Franco Cordelli, Masolino d’Amico, Titti Danese, Tiberia de Matteis, Stefano de Stefano, Lorenzo Donati, Roberta Ferraresi, Gigi Giacobbe, Graziano Graziani, Maria Grazia Gregori, Enrico Groppali, Gerardo Guccini, Osvaldo Guerrieri, Katia Ippaso, Fausto Malcovati, Gianni Manzella, Fernando Marchiori, Enrico Marcotti, Massimo Marino, Leonardo Mello, Renata M. Molinari, Laura Novelli, Valeria Ottolenghi, Renato Palazzi, Laura Palmieri, Egidio Pani, Carlo Maria Pensa, Andrea Pocosgnich, Magda Poli, Oliviero Ponte di Pino, Walter Porcedda, Domenico Rigotti, Gabriele Rizza, Rodolfo Sacchettini, Attilio Scarpellini, Cristina Ventrucci, Gherardo Vitali Rosati, Silvana Zanovello, Ettore Zocaro.

 

La redazione

 

Print Friendly

Manlio Boutique