Manlio Boutique

Al Tunnel Borbonico stasera di parla di come la nostra città reagì all’Olocausto, con una visita teatralizzata incentrata sulla memoria.

url-1Ricordare per evitare che accadi ancora, e non solo nella Giornata della memoria. Al Tunnel Borbonico si parla di Shoah stasera sabato 16 marzo, alle 20.30, con una visita teatralizzata, dal titolo “…e il sole si spense – Shoah: la voce della Memoria”.

L’Associazione Culturale NarteA, in collaborazione con l’Associazione Culturale Borbonica Sotterranea, condurrà gli spettatori nelle viscere del sottosuolo napoletano per spiegare come reagì la nostra città ad una delle più grandi tragedie della storia.

“Questa visita guidata teatralizzata non vuole essere un pretesto per creare rumore – spiega Febo Quercia, direttore artistico di NarteA – ma invita gli ospiti ad aprire gli occhi e la mente, per ricordare, oltre alla persecuzione di cui furono vittime gli ebrei, anche la nostra memoria, ricordando anche quello che è successo ai napoletani ed a Napoli. Per questo, abbiamo scelto il Tunnel come location”.

Storia e memoria quindi, ma narrati questa volta con un’ottica un po’ diversa. Se infatti il 27 gennaio 1945, i soldati dell’Armata Rossa abbattevano i cancelli di Aushwitz, liberando i prigionieri sopravvissuti allo sterminio del campo nazista, e svelando al mondo intero l’orrore dell’olocausto; la città di Napoli, durante quel frangente, resistette al piano sistematico di distruzione e sterminio denominato “cenere e fango”. Solo grazie all’apporto dei civili e dei militari fedeli al Regno del Sud, Napoli riuscì ad essere la prima, tra le grandi città europee, ad insorgere con successo contro l’occupazione nazista, tanto che gli fu conferita la medaglia d’oro al valor militare.

Molte vite trovarono salvezza nel grembo sotterraneo del Tunnel Borbonico, che raccolse e salvò nel suo ventre occulto la vita milioni di rifugiati.

In dettaglio, la visita sarà incentrata sui ricoveri che ospitarono e nascosero gli ebrei nel periodo della deportazione e darà voce a chi, tradito dagli ideali, dall’umanità, dal tempo e dallo stato, decide di isolarsi e rifugiarsi “nella musica del suo violino con l’intento di dimenticare e di assegnare alla storia il ruolo di “brutto sogno” dal quale però non riesce a svegliarsi perché la voce della Memoria continua a parlargli. Gli interpreti della teatralizzazione saranno gli attori Roberto Albin (altresì musicista) e Serena Pisa.

Prenotazione obbligatoria.

 

La Redazione

 

Info:

Tunnel Borbonico di Napoli

Vico del Grottone n° 4,

seconda traversa a sinistra

salendo via Gennaro Serra,

zona piazza Plebiscito

339.7020849 – 334.6227785

Costo € 15 a persona.

 

www.tunnelborbonico.info/it

 

Cincopa WordPress plugin
Print Friendly

Manlio Boutique