Manlio Boutique

Rieccoci con la consueta guida agli spettacoli del weekend. Grandi nomi questa settimana e appuntamenti per i più piccoli.

 

Come sempre consigliamo, per passare al meglio il fine settimana, alcune delle migliori proposte teatrali di Napoli, per un nuovo weekend sempre all’insegna dell’arte e della cultura!
Senza dubbio possiamo dire che questo sarà un fine settimana in cui saranno in scena, grandi nomi:

 

Segnaliamo su tutti il Riccardo III di Alessandro Gassman al teatro Bellini, da noi seguito alla prima e di cui potete trovare qui la recensione! Lo spettacolo, che presenta la revisione e l’adattamento a cura di Vitaliano Trevisan, è in replica fino al 14 aprile. (www.teatrobellini.it – Orari: sabato ore 21, domenica ore 17:30 – Biglietti: Platea: intero € 28 | Palchi 1°/2°/ 3° ord.: intero € 25 | Palchi 4°/5° centrali: intero € 20 | Palchi 4°/5° lat e 6° ord.: intero € 17 | Riduzione 15 € per gruppi di 15 persone e più)

 

Non tutto è risolto

Non tutto è risolto

Altro nome di rilievo è Franca Valeri che presenta il suo Non tutto è risolto. Una delle più straordinarie attrici italiane di sempre decide di raccontare se stessa muovendosi in bilico fra realtà e immaginazione. Non tutto è risolto è una commedia con cui l’artista ha deciso di ripercorrere la propria esistenza in modo spontaneo, attraverso una caotica e divertente sarabanda di episodi, aneddoti, frammenti e riscritture delle memorie di una vita. Con Franca Valeri, Licia Maglietta, Urbano Barberini, Gabriella Franchini (www.teatrostabilenapoli.it – Orari: sabato ore 21, domenica ore 18. Prezzi da 21€ a 28 €).

 

Il Ridotto del Mercadante invece vedrà in scena: Mumble mumble, ovvero confessioni di un orfano d’arte di Emanuele Salce e Andrea Pergolari. Emanuele Salce porta in scena un attore che in una pausa delle prove, chiuso in camerino, si trova a fare i conti con la propria realtà, l’essere attore e uomo, funzione di una società che gli sfugge e identità ricercata e mai trovata. Lo fa fra voragini di serietà e voli di ironia, conciliando le pagine di Dostoevskij agli europei di calcio, i cerimoniali funebri paterni all’effetto di una meravigliosa bionda australiana o a quello di un dannato flacone di medicinale. Con Emanuele Salce e Paolo Giommarelli. Qui la nostra recensione! (www.teatrostabilenapoli.it – Orari: sabato ore 18, domenica ore 21. Prezzi da 17 € a 12 €).

 

Muri - prima e dopo Basaglia

Muri – prima e dopo Basaglia

Giulia Lazzarini a Galleria Toledo, fino al 13 aprile, invece ripercorre con profonda intensità la sofferta vicenda dei manicomi in Italia prima e dopo Basaglia. In Muri – prima e dopo Basaglia, per la regia di Renato Sarti, l’attrice è un’infermiera che, alla stregua di tanti altri giovani che all’epoca cercavano un’occupazione, ha iniziato a lavorare presso l’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Trieste. Vedrà con i suoi occhi la triste situazione dei ricoverati. Se ti interessa trovi qui la nostra recensione. (www.galleriatoledo.org. Sabto ore 21. Costo biglietti: intero 15€; ridotto 10€).

 

In scena al Piccolo Bellini, per il secondo weekend consecutivo: Munno e terzo munno di Luigi Credendino per la regia di Giovanni Meola. Un’opera in versi sciolti ambientata in una singolare location: una piazza di spaccio. Un ‘detentore’, un ‘pusher’ e un ‘palo’ alle prese con una giornata qualsiasi di lavoro, tra ‘clienti-consumatori’ che si susseguono e sogni che non si avvereranno, Una giornata che però non si concluderà nel solito modo… La recensione di QuartaParete è disponibile a questo link! (www.teatrobellini.it – Spettacoli: sabato ore 21:30, domenica ore 18. Biglietti: intero 15€, ridotto 10€, studenti 8€).

 

Proseguono anche le repliche al teatro Diana, fino al 21 aprile, di Due di noi con Lunetta Savino ed Emilio Solfrizzi. Il regista Leo Muscato ripropone un’adattamento di The Two of Us del commediografo inglese Michael Frayn, presentando tre dei quattro atti unici originari, tutti percorsi da un unico leitmotiv: le difficoltà della vita di coppia matrimoniale. Qui trovi la nostra recensione! (www.teatrodiana.it Sabato: ore 17.30 e 21. Domenica: ore 18. Prezzi da € 22 a € 30)

 

In replica per il 2° fine settimana consecutivo anche due spettacoli molto divertenti:

 

Gomorroide al Teatro Totò con I ditelo voi: la camorra raccontata da un ironico punto di vista in cui i tre comici affiancati da una compagnia di caratteristi, propongono una galleria di situazioni e personaggi irresistibilmente esilaranti. (www.teatrototo.it – Spettacoli: sabato ore 17:30 e 21, domenica ore 18. Biglietti: platea 15-20€, galleria 12-14€, palco 14-16€).

 

Mumble muble

Mumble muble

Anche l’occhio vuole la sua parte, di Maurizio Casagrande, al teatro Delle Palme: una divertente commedia sull’annoso dilemma tra essere ed apparire, con cui il protagonista Mario dovrà fare i conti. Con Michele Caputo e Tiziana De Giacomo, Flora Vona e Arturo Sepe. Cliccando qui potrete leggere la nostra recensione! (www.teatrodellepalme.it – Spettacoli: sabato ore 21, domenica ore 18. Biglietti: platea 20-25€, galleria 15-18€).

 

Per passare poi una serata nel segno della spensieratezza, ricordiamo che continuano le repliche di Gipsy, il musical scritto da Arthur Laurents con le musiche di Jule Styne che vede in scena Loretta Goggi. Lo spettacolo ha debuttato a Broadway nel 1959 ed è ispirato alla vera storia di Gypsy Rose Lee, definita la Regina del Burlesque nell’America degli anni ’30, che viene raccontata dalla madre, rose. Gypsy è la storia di una madre pronta a tutto per fare delle sue due figlie, June e Louise, delle star nel mondo dello spettacolo, quando il genere vaudeville era sulla strada del declino e il burlesque stava per nascere. Qui disponibile la nostra recensione! (www.teatroaugusteo.it – Spettacoli: sabato ore 21, domenica ore 18. Biglietti: poltrona 35€, poltroncina 25€)

 

In scena al Teatro Diana, per la seconda settimana, Due di noi: uno spettacolo musicale sui problemi di coppia con Emilio Solfrizzi e Lunetta Savino. In replica fino al 21 aprile. (www.teatrodiana.it – Orari: sabato ore 17:30 e 21, domenica ore 18 – Prezzi: sabato (ore 17:30) POLTRONA € 22 + 3 | POLTRONCINA € 17 + 3 | GALLERIA € 12 + 3, sabato (ore 21:00) – domenica POLTRONA € 30 + 3 | POLTRONCINA € 25 + 3 | GALLERIA € 20 + 3)

 

Soltanto per un giorno, il 13 aprile, torna il consueto appuntamento della Cena con delitto al Pozzo e il Pendolo. La cena con delitto, è un format che 14 anni fa il Pozzo e il Pendolo ha importato dalla Gran Bretagna. Il murder party, di matrice anglosassone nasce nella seconda metà dell’ottocento, come forma di intrattenimento dell’alta borghesia. La fusione tra il teatro ed il gioco, l’utilizzo del modello d’indagine deduttivo, l’interazione tra il pubblico e gli attori, l’ossequio alla regola della credibilità rappresentano i cardini fondamentali di questa forma di intrattenimento che riscuote oggi come nel secolo scorso grande consenso del pubblico. (www.ilpozzoeilpendolo.it – Orari: ore 21)

 

Un momento dello spettacolo BU'!

Un momento dello spettacolo BU’!

E per chi invece volesse passare una giornata all’aperto ma sempre all’insegna dell’arte ricordiamo il secondo appuntamento con l’VIII^ edizione della rassegna d’arte: Bussate alla porta degli Inferi che si svolge interamente sul territorio flegreo. Bussate alla porta degli Inferi è una manifestazione che da 8 anni propone eventi culturali e artistici che spaziano dalla prosa alla musica, dalle visite guidate in siti archeologici alle degustazioni di prodotti locali. L’8ª edizione della manifestazione è partita il 6 aprile e prosegue, questo weekend, con uno spettacolo teatrale per bambini dal titolo Peperona e i rifiuti di Poldino, in scena all’agriturismo Il giardino dell’orco, presso il Lago D’averno: Poldino è un cane che abita in un bosco fatato insieme a papà orso e mamma civetta. Frequentando la scuola, impara a conoscere il misterioso mondo degli umani; sarà la fata Peperona, incontrata sul suo cammino, che lo trasformerà in un bambino… ma il mondo che visiterà sarà molto diverso da come si aspettava… Un momento di divertimento e crescita civile sulla raccolta differenziata. La rappresentazione, con 5 attori e sette pupazzi, termina con un gioco tra gli interpreti, i bambini e i “rifiuti” (www.bussateallaportadegliinferi.it – Orari: sabato ore 16:30, domenica ore 11 – Biglietti: adulti 4 €, bambini fino a 12 anni 7 €).

 

Altro spettacolo per bambini, dai tre anni in su, è infine BU’! della compagnia Latoparlato di Milano per i più piccoli, in scena domenica 14 aprile, alle 12, al Teatro Antonio Niccolini dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, con ingresso in via Bellini 36. Al di là e al di qua di una porta magica esistono due mondi differenti che si oppongono. Nel Bosco Nero vivono il Ladro, il Lupo, la Strega e il padrone di tutti: il terribile Uomo Nero. Nel Bosco Verde c’è una mamma rotonda come le torte, un papà forte, sette fratelli grandi come armadi e anche un bambino, il piccolo Bartolomeo. Sarà proprio lui, accompagnato dall’inseparabile copertina, a dover affrontare le creature del Bosco Nero… fino a sconfiggerle una per volta. Un messaggio rassicurante ma anche impegnativo, per far comprendere ai piccoli spettatori che le paure appartengono a tutti, anche ai grandi, ma che si possono sconfiggere e dimenticare. (www.lenuvole.com. Prezzi 7€).

 

Insomma, non avete che da scegliere… e vedere! Buon Teatro a tutti!

 

Gennaro Monforte

Print Friendly

Manlio Boutique