Manlio Boutique

Impegno civile, attenzione alla realtà circostante, lotta alla criminalità il fil rouge degli spettacoli che compongono il primo cartellone del teatro napoletano di piazzetta San Vincenzo.

1185893_10201921585704805_956452002_n“Le nuove Resistenze”: si intitola così, in omaggio alle Quattro Giornate di Napoli di cui ricorrono i 70 anni, il primo cartellone del Nuovo Teatro Sanità che, diretto da Vincenzo Pirozzi per l’aspetto organizzativo e da Mario Gelardi per quello artistico, apre ufficialmente i battenti presentando una stagione ricca di spettacoli e collaborazioni, senza mancare di dare spazio, accanto a nomi affermati del teatro, anche a nuove compagnie tra le più promettenti del panorama napoletano che saranno ospiti di una residenza di sette giorni, tra prove e messinscena, all’interno della rassegna Avviso Pubblico.

Situato nel cuore dell’omonimo Rione, a pochi metri dal noto Ponte della Sanità, la giovane realtà teatrale – che intende porsi come luogo di cultura aperto al territorio, riferimento per il quartiere, soprattutto per i tanti giovani che lo abitano, ma non solo, occasione per educare alla legalità attraverso progetti di scambi culturali – dà inizio al suo primo anno di attività, il 27-28 e 29 settembre, con lo spettacolo dedicato alla partigiana Maddalena Cerasuolo, Lenuccia, interpretata da Maddalena Stornaiuolo affiancata da Aniello Mallardo che ne cura anche la regia. Nel pomeriggio del 27, a fare da preziosa madrina, attesa l’attrice Isa Danieli alla cui presenza verrà inaugurata anche la nuova targa del teatro dedicata a Sissi Liguori.

A seguire, si alterneranno sul palcoscenico di piazzetta San Vincenzo, artisti come Giulio Cavalli che il 5 ottobre presenterà L’innocenza di Giulio, Andreotti non è stato assolto, da lui scritto e diretto; Marina Confalone, protagonista del monologo scritto da Giuseppe Bertolucci, Raccionepercui, in scena il 23 e 24 novembre in esclusiva per l’NTS;  o ancora Francesca Rondinella che insieme a Sonia di Gennaro e Giosi Cincotti, per la regia di Raffaele De Martino darà vita in Mescafranscesca a un melting pot tra musica, danza e poesia.

In prima assoluta debutterà il 18 ottobre, per continuare il 19 e 20, Mulignane, da un racconto di Franscesca Prisco con Gea Martire, diretta da Antonio Capuano, mentre della collaborazione col Teatro Civico 14 di Caserta sarà lo spettacolo Enrico l’ultimo (liberamente ispirato all’opera pirandelliana) ad essere espressione il 9 e 10 novembre. Sempre a novembre, dal 15 al 17, Roberto Azzurro, porterà in scena un suo progetto dal titolo Eduà II dal capolavoro di Christopher Marlowe.

Altro debutto sarà quello di Hotel Splendid (in scena dal 5 all’8 dicembre), ispirato a Splendid’s di Jean Genet e riadattato per l’occasione da Mario Gelardi autore anche di Nessuno vi farà del male, scritto a quattro mani con Fabio Rocco Oliva, in programma dal 20 al 23 febbraio, e de Il meraviglioso circo dei fratelli Boldoni, in scena l’11, il 12 e il 13 ottobre.
I racconti dei fratelli Grimm rivisti attraverso lo sguardo di Anne Sexton, invece, saranno il cuore della performance di e con Cristina Donadio, Transformations (dal 25 al 27 ottobre), accompagnata alla chitarra da Franscesco Forni.

1234672_10201921549703905_1438454504_nDurante il periodo natalizio, per la precisione dal 16 al 29 dicembre spazio alla musica con Happy Christmas Sanità, a cura di Claudio Finelli, mentre ad inaugurare il nuovo anno sarà il testo di Manlio Santanelli, Due signore, diretto da Riccardo De Luca. Ancora a gennaio, dopo il debutto a Benevento Città Spettacolo, ritorna Garage, scritto da Marco Zannoni per la regia di Lello Serao, seguito, dal 24 al 26, da Tonino Napoli: zero a zero, con Agostino Chiummariello.
A cavallo tra febbraio e marzo, Tina e Carmen Femiano porteranno in scena Semenzella, storia di una “mamma vulcanica” di Terzigno, e ancora una donna sarà la protagonista dello spettacolo successivo, Louise Bourgeois, con Margherita Di Rauso (14, 15 e 16 marzo).
Sempre a marzo, rispettivamente il 20 e il 22 , liberamente ispirati a due romanzi, arrivano Di carne e Di sangue che vedranno Alessandro Gallo e Miriam Capuano calcare le scene diretti da Maria Cristina Sarò, mentre è attorno ad un campo di calcio che si svilupperà la storia narrata in Quell’ultima parata, di Fabrizio Bancale, previsto dal 28 al 30 marzo.
A chiudere il fitto cartellone, l’11, 12 e 13 aprile, lo spettacolo di Ciro Pellegrino, Via D’Amelio 19, viaggio a ritroso dalla strage in cui morì il giudice Borsellino alla sua infanzia.

Diversi anche i progetti messi in campo da novembre a maggio: tra questi quello denominato “Su al nord: giovani in scena contro le mafie”, grazie al quale alcuni ragazzi del Nuovo Teatro Sanità, accompagnati dall’assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli, Alessandra Clemente,  prenderanno parte, in provincia di Bologna, alla rassegna d’impegno civile coordinata da Carlo Lucarelli, Politicamente Scorretto, portando in scena lo spettacolo La giusta parte – Testimoni e storie dell’antimafia. Per la realizzazione del progetto è stata attivata, in collaborazione con Caracò editore e col sostegno di un testimonial di eccezione, il giornalista Giovanni Tizian, una raccolta fondi (qui come aderire: www.derev.com/it/revolution/sualnord/) a cui tutti sono invitati a contribuire.

Maggiori dettagli e informazioni sono disponibili sul sito http://www.nuovoteatrosanita.it/

Ileana Bonadies
(Foto Rosaria Piscopo/Carmine Luino 2013)

Nuovo Teatro Sanita’
Piazzetta San Vincenzo 1, Napoli
Per info e prenotazioni: 339 666 6426
info@nuovoteatrosanita.it – organizzazione@nuovoteatrosanita.it
Orari spettacoli: feriali ore 21 – domenica ore 18

Print Friendly

Manlio Boutique