Manlio Boutique

Comicità, impegno civile, adattamenti di romanzi e molto altro ancora in scena, nei teatri napoletani e non solo, questa settimana.

 img_9189A fronte alta
Quando: 7 aprile
Luogo: Napoli (zona Vomero) per la rassegna Il Teatro cerca casa
Orario: ore 18
Di e con: Antonello Cossia
TramaA fronte alta, ovvero “un sogno del mille novecento cinquantasei”, scritto e interpretato da Antonello Cossia.  In scena la straordinaria avventura sportiva di un pugile napoletano, atleta della nazionale azzurra, chiamato a rappresentare l’Italia ai giochi olimpici di Melbourne in Australia, appunto nel 1956.
Lo spettacolo ne ripercorre l’impresa tra suggestioni, ricordi personali, resoconti di testimoni dell’epoca che, pian piano, nello sviluppo drammaturgico, vanno ad incrociare, intrecciandosi con esse, le fitte maglie della Storia, funestata in quegli anni da scenari terribili. Era il tempo delle tensioni mondiali, prevedibile epilogo di un periodo post bellico mai completamente pacificato, gli anni delle sanguinose lotte bracciantili, della quotidiana “guerra silente” combattuta da intere popolazioni nell’atto di ricostruire una propria identità civile e sociale oltre che riedificare le proprie distrutte città. In questo scenario, tra orgoglio e uppercut, si sviluppa l’avventura di un giovane boxeur, due volte campione d’Italia tra i dilettanti nel 1955 e nel 1956, nonché il primo napoletano alle Olimpiadi nella storia del pugilato. Un articolo comparso in un giornale sportivo australiano, qualche giorno dopo l’incontro, riportava la cronaca del primo e unico combattimento, sostenuto da questo atleta in quella competizione. Aveva incontrato agli ottavi di finale colui che in seguito vinse la medaglia d’oro per la categoria dei pesi piuma, un pugile russo, Vladimir Safronov il suo nome, molto forte, che mandò tutti i contendenti al tappeto, tranne uno: “un giovane proveniente da un paese del sud, che faceva il muratore nella sua città”. A fronte alta, dal ring al teatro, per realizzare un’istantanea della limpida linea di comportamento tenuta dal protagonista, non solo dentro le dodici corde. Sconfitto, ma solo ai punti: l’unico a finire in piedi davanti al russo Vladimir Safronov, formidabile tecnico e micidiale picchiatore, il futuro campione olimpico.
Info e prenotazioni: http://www.ilteatrocercacasa.it

 

unnamed (7)La musica dei ciechi
Quando: dal 7 al 10 aprile
Luogo: Teatro Nicolini – Accademia delle Belle Arti
Orario: 17:30
Autore: Raffaele Viviani
Regia: Tonino di Ronza
Interpreti: Nunzia Schiano, Agostino Chiummariello, Niko Mucci, Salvatore Esposito, Ciro D’Errico
Trama: La trama è incentrata tutta sulla figura di Ferdinando, contrabbassista di un complessino di ciechi, che accusa la moglie di tradirlo con l’impresario del suo gruppo che si esibisce nella zona di Santa Lucia, a Napoli.
Prenotazione obbligatoria: 342 55 77 763

 

1899537_611262275623784_471698220_oLa madre
Quando: dall’8 al 13 aprile
Luogo: Sala Assoli
Orario: 21, tranne la domenica alle ore 18
Autore: B. Brecht
Regia: Carlo Cerciello
Interpreti: Imma Villa, Antonio Agerola, Cinzia Cordella, Roberta Di Palma, Marco Di Prima, Annalisa Direttore, Valeria Frallicciardi, Michele Iazzetta, Cecilia Lupoli, Aniello Mallardo, Giulia Musciacco, Antonio Piccolo
Trama: Il senso della riproposizione de La Madre di Bertolt Brecht sta tutto nel recupero della memoria storica di avvenimenti, ideologie e sentimenti che hanno trasformato il mondo, riconsegnando alle classi più deboli, e ai lavoratori tutti, quella coscienza e quella dignità che, purtroppo, oggi viene nuovamente mortificata e immolata sull’altare del “dio mercato”. Nel panorama amaro di una politica palesemente sconfitta, schiava dell’economia e dell’affarismo, il nostro vuole essere un solitario omaggio alla classe operaia, che in Paradiso, purtroppo, non è andata e non andrà mai. Un affresco malandato e corroso, da cui traspare ancora la forza di un ideale. (Carlo Cerciello)
Info e prenotazioni: botteghino@associazioneassoli.it – 081 195 63 943

 

10012441_10203129971637987_1463327763_n-245x300I viaggi di Cartesio – Frammenti dalla vita di un filosofo
Quando: 9 aprile
Luogo: Associazione “Megaride”, via santa Lucia 110 – Napoli
Orario: ore 21 (ingresso a partire dalle ore 20:30 e fino ad esaurimento posti)
Autori: Riccardo De Biase e Rosario Diana
Componenti audiovisive e allestimento scenico-lettoriale: Rosario Diana
Interpreti: Imma De Pascale, Armando Mascolo, Silvana Vaio, Riccardo De Biase, Rosario Diana
Lettori fuori campo: Andrea Bocchetti, Diane Patierno
Musiche: John Dowland, György Ligeti, Chiara Mallozzi, Rosalba Quindici
Realizzazioni audiovisive: Ruggero Cerino
Direttore di scena: Vincenzo Meo
Trama: René Descartes (1596-1650) è senza dubbio una delle figure più rilevanti della tradizione filosofica occidentale. Il reading– già messo in scena nel 2011, ora interamente riscritto da Riccardo De Biase e Rosario Diana – non pretende di esaurire la ricca e complessa fisionomia speculativa e scientifica del pensatore francese. Vuole solo tracciare – con seduttivo compiacimento per l’incompletezza – uno schizzo del personaggio attraverso i viaggi esteriori e interiori che condusse nel corso della sua non lunga vita.
Nelle intenzioni degli autori, questo lavoro non vuole essere solo un tentativo di disseminazione culturale, ma anche un piccolo esperimento di militanza filosofica che possa suscitare qualche comportamento emulativo; convinti, come sono, che sia più importante praticare la filosofia – ognuno di noi quando e come può –, anziché averne semplicemente notizia…
Info e Prenotazioni: Ingresso libero – interludidacamera@gmail.com

 

unnamed (9)Se è amore non si muore
Quando: 11 aprile
Luogo: Plauto Teatro Studio – San Nicola la Strada (CE)
Orario: 21
Produzione: Altamarea
Adattamento e regia: Carmen Femiano
Interpreti: Tina Femiano, Carmen Femiano accompagnate al piano da Mariella Pandolfi
Trama: Tina Femiano, una donna che diventa “tante donne”, interpreterà alcune fra le pagine più intense di chi ha raccontato il gesto estremo dell’amore che si fa morte (M. Carlotto, R. Cavosi, M. Santanelli…) In un crescendo di emozioni e spiazzamenti, tra dramma e comicità, l’interprete dona corpo e voce a donne criminali, donne innamorate, donne folli, donne-madri, donne amate e che sanno amare. La voce di Carmen Femiano e il pianoforte di Mariella Pandolfi, in una sorta di “colonna sonora dal vivo”, (K. Weill, R. Viviani, A. Sinagra…) come fantasmi che volteggiano nel buio della perdita di contatto con la realtà, accompagneranno la platea attraverso un passaggio, in cui le donne protagoniste sono vittime, carnefici, inconsapevoli complici dell’imbarbarimento dell’esistenza, perché: “Se è amore non si muore”. Una serata appassionata, all’insegna del teatro e della musica, un canto gioioso e drammatico all’Amore.
Prenotazioni: Ticketteria, via Gemito (Ce) – www.go2.it – Botteghino del teatro, via  Grotta, San Nicola la Strada (CE)

 

1398383_488579354588930_933607215_oUn’onesta lavoratrice
Quando: 11 aprile
Luogo: Portici (Napoli) per la rassegna Il Teatro cerca casa
Orario: ore 20:30
Autore: Antonella Platì
Regia: Nello Mascia
Interpreti: Federica Aiello
Trama: È sufficiente comportarsi da seria e scrupolosa professionista per realizzare con successo il proprio lavoro, soprattutto se il mestiere che si è scelto non è proprio da tutti?E se la vicenda risulta anche complicata dall’ingombrante presenza di una città in cui l’anormalità regna sovrana? Un’onesta lavoratrice è, per l’appunto, la cronaca umoristica di una movimentata giornata di lavoro, solo in apparenza ordinaria. Protagonista della frenetica vicenda una donna singolare, impegnata in un mestiere inconsueto, in una città del tutto atipica: Napoli.
Info e prenotazioni: http://www.ilteatrocercacasa.it

 

902857_482720245174841_1681974758_oPierre e Jean
Quando: 11 aprile
Luogo: Napoli per Il Teatro cerca casa
Orari: 20
Autori: dal romanzo di Guy de Maupassant
Drammaturgia: Massimiliano Palmese
Regia: Rosario Sparno
Interpreti: Raffaele Ausiello e Carlo Caracciolo
Trama: Pierre e Jean, mette in scena una drammatica crisi familiare. Due fratelli passano con la madre le vacanze estive nella casa al mare, tra gite in barca e le visite della giovane vedova Rose, che entrambi corteggiano; ma l’imprevisto arrivo di un’eredità suscita prima vaghi dubbi e poi terribili sospetti su quello che nasconde la composta facciata del rispettabile nucleo familiare. In una veloce sequenza di scene, tra le vezzose cerimonie delle due donne e i duri scontri verbali tra fratelli, il romantico Pierre scopre di avere sogni e valori opposti a quelli di Jean, da cui viene deluso e irrimediabilmente ferito. Senza preavviso, in Pierre e Jean, la famiglia piccolo-borghese mostra la sua faccia peggiore, rivelandosi schiava del dio Denaro e inferno di sentimenti che in un niente possono rovesciarsi nel loro opposto: l’affetto in gelosia e l’amore in un rancore che è possibile curare solo lontano, via da tutti, in direzione del mare.
Info e prenotazionihttp://ilteatrocercacasa.it

 

unnamed (10)VIA D’AMELIO, 19 Cronaca di una morte… annunciata
Quando: dall’11 al 13 aprile
Luogo: Nuovo Teatro Sanita’
Orario: 21, tranne la domenica alle ore 18
Produzione: KAOTIKALKIMIA
Interpreti: Paola Maddalena, Sara Missaglia, Sergio Savastano, Ciro Pellegrino, Fabio Balsamo
Drammaturgia, musiche e regia: Ciro Pellegrino
Trama: È successo ancora… un altro pomeriggio “normale” si trasforma in un giorno da non dimenticare.  “19 luglio 1992. Dopo 57 giorni dalla morte di Giovanni Falcone , un nuovo attentato di stampo terroristico-mafioso. Questa volta è toccato al giudice antimafia Paolo Borsellino e agli agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Unico sopravvissuto è Antonio Vullo, che si è risvegliato in ospedale dopo l’esplosione, in gravi condizioni.”  Come una maledizione senza possibilità di redenzione, come un incubo in cui la storia si ripete all’infinito, quell’episodio, che è già storia nel momento stesso in cui è accaduto, segnerà profondamente le nostre esistenze. Uno spettacolo che non vuole essere solo una testimonianza, un ripercorrere ancora una volta i fatti tristemente noti, bensì una vera e propria riflessione di come quel che accade intorno a noi ci riguarda da vicino, e di come una semplice notizia, ascoltata distrattamente in un pomeriggio d’estate d’un giorno qualunque, può cambiarci la vita. (Ciro Pellegrino)
Info e prenotazioni: 339 66 66 426 – organizzazione@nuovoteatrosanita.it

 

unnamed (11)‘Na lettera pe’ tre’ ‘nnamurati 
Quando: dall’11 al 13 aprile
Luogo: Circolo Teatro Arcas
Orario: ore 21, tranne la domenica alle ore 18
Autore: Petito
Regia: Tonino Taiuti
Interpreti: Marcello Raimondi, Riccardo Citro, Aurelio De Matteis, Maria Rosaria De Liquori, Federica Totaro, Peppe Carosella
Trama: Lo spettacolo, prende vita dalle radici di un repertorio, ormai, da tutti riconosciuto come “Teatro Europeo”. Qui, però, il gioco si innesta in citazioni reinventate liberamente, in modo dissacrante, in una comicità contemporanea, ed ecco che allora, Pulcinella diventa Felice e Felice diventa Pulcinella.
‘Na lettera è la storia di tre corteggiatori, innamorati della stessa donna, che si combattono a suon di battute e invenzioni, contaminate dalla nostra contemporaneità. Abbiamo constatato poi, nel corso del nostro lavoro, leggendo tra gli scritti critici su Petito, che il metodo da noi applicato per la nostra messinscena non era altro che quello che faceva questo grande artista, costruendo i suoi testi insieme agli attori, proprio nella fase delle prove. (Tonino Taiuti)
Info e prenotazioni: 081 595 55 31

 

unnamed (12)Gabriele D’Annunzio tra amori e battaglie
Quando: dall’11 al 13 aprile
Luogo: Teatro Mercadante
Orari: l’11 aprile alle ore 21; il 12 aprile alle ore 19; il 13 aprile alle ore 18
liberamente tratto da L’amante guerriero di Giordano Bruno Guerri
Adattamento: Edoardo Sylos Labini e Francesco Sala
Regia: Francesco Sala
Interpreti: Edoardo Sylos Labini, Giorgia Sinicorni, Silvia Siravo, Alice Viglioglia, Dj Antonello Aprea, Viola Pornaro
Allestimento e costumi: Marta Crisolini Malatesta
Produzione: RG produzioni, Gabriele d’Annunzio 150
Trama: Nel 2013 ricorre il 150° anniversario della nascita di uno dei più importanti e discussi personaggi italiani: Gabriele d’Annunzio. Nato a Pescara il 12 marzo 1863, il Vate muore a settantacinque anni da poeta celebrato nella sua villa mausoleo del Vittoriale, sul lago di Garda. La sua vita si afferma come indiscussa protagonista della Storia e della Letteratura del XIX e del XX secolo. È proprio dalla straordinaria biografia del poeta abruzzese che prende spunto il nuovo spettacolo di Edoardo Sylos Labini, Gabriele d’Annunzio, tra amori e battaglie. La pièce sintetizza la vita di un artista che ha saputo imporre i propri sogni, in un susseguirsi di amori, passioni, infedeltà, avventure politiche e mondane, autentiche provocazioni poetiche vissute sempre con vittorioso clamore.  D’Annunzio, amante instancabile, dalla sua stanza del Vittoriale rende omaggio alle sue donne: da Eleonora Duse, alla moglie Maria Hardouin d’Altemps, alla pianista Luisa Baccara, passando per la governante Amélie Mazoyer attraverso i versi de Il piacere, del Notturno, rivivendo Il fuoco o La pioggia nel pineto in un’insolita versione elettronica.  Il Vate degli italiani è anche l’eroe di Buccari e del volo su Vienna e dal Vittoriale rivive la straordinaria avventura di Fiume, Città di Vita. Da Beethoven a Liszt, da Wagner a Joséphine Baker, passando per la famosa canzone napoletana A’ Vucchella, la musica, che è stata insieme alle donne fondamentale fonte d’ispirazione della poetica dannunziana, sarà mixata dal vivo nelle stanze del Vittoriale dal grammofono di un moderno dj.
Info e prenotazioni: http://www.teatrostabilenapoli.it – 081 551 33 96

 

unnamed (13)Il sogno
Quando: dall’11 al 13 aprile
Luogo: Theatre De Poche
Orario: ore 21, tranne la domenica alle ore 18
Autori: Massimo Petrucci e Marcello Cozzolino
Regia: Marcello Cozzolino
Assistente: Maria Meo
Interpreti: Amedeo Ambrosino, Marcello Cozzolino, Alessio De Sivo, Anna Cioffi, Sabrina Fusco, Grace Lecce, Vittorio Adinolfi
Produzione: Spazio Rigan
Scene e Costumi: mAD
Musiche: Macomusic
Trama: I sogni e l’interpretazione di essi nell’intreccio confidenziale di due amici e un barista – a metà tra il tonto e il genio – e la sua passione per la smorfia e il gioco dei numeri del lotto. Un tipico “bar-caffè” napoletano. Piero, un medico, pare abbia fatto un brutto sogno che vede come protagonista il suo caro ma sfortunato (almeno nel sogno) amico di sempre Luigi, fedele “compagno di colazione”, poco più anzianotto ma molto più ansioso; perennemente “ammalato immaginario”. Nervoso, Piero confida questo presunto suo brutto sogno “all’amico” barista, Peppino, circa trent’anni, che proprio dal racconto del dottore, coglie l’occasione per “prendere appunti” ed elaborare una nuova giocata al superenalotto. Scetticismo e incredulità nei segni misteriosi dei sogni e della loro interpretazione muovono la scena tra gag e luoghi comuni, esasperando il confronto tra chi vuole sottolineare l’influsso dei sogni sugli eventi della vita, e chi invece proprio non riesce a dare così tanto peso a ciò che pare essere in realtà soltanto un semplice, banale sogno. (Marcello Cozzolino)
Info e prenotazioni: 339 429 02 22 – 328 849 16 62

 

887565_363961460384054_1720927918_oDella storia di G.G.
Quando: 12 aprile
Luogo: Napoli (zona Fuorigrotta) per il Teatro cerca casa
Orario: 20:30
dal racconto di Mariagrazia Rispoli
Autrice e Interprete: Gea Martire
Regia: Mariano Lamberti
Trama: Per il taglio grottesco e ironico che lo contraddistingue, il monologo de Della storia di G.G. si può facilmente ascrivere nel registro della “black comedy”. La storia della donna che subisce la dolorosa perdita del padre ma che prova allo stesso tempo un’alquanto irrefrenabile attrazione per l’uomo che ha il compito di sotterrarlo si presta bene, così, ad una buona dose di humour nero. L’idea è quella di rendere attraverso due personaggi distinti queste due contrastanti emozioni all’interno della stessa persona (dolore e piacere, lutto ed Eros), rappresentando questa sorta di sdoppiamento psichico con due diverse personalità. Dalla rimozione del dolore della perdita si genera quindi un doppio sé che agisce sente e vive in maniera diametralmente opposta: tanto l’uno è fragile, luttuoso e si esprime con toni veri e dolorosi, tanto l’altro è perfido, beffardo e usa toni da femme fatale di provincia. I due personaggi si alternano, si danno la mano, altre volte si fanno la guerra, in una sorta di girandola schizofrenica che si fa via via sempre più grottesca e divertente. (Mariano Lamberti)
Info e prenotazionihttp://ilteatrocercacasa.it

 

unnamed (14)Vacanze turche
Quando: dal 12 al 13 aprile
Luogo: Nuovo Teatro Sancarluccio
Orario: 21
Autrice e regia: Cinzia Mirabella
Interpreti: Cinzia Mirabella, Rosaria de Cicco, Mario de Felice
Trama: Due donne alle prese con le esotiche peripezie di una vacanza dal sapore orientaleggiante.
Info e prenotazioni: 081 410 44 67 – 081 544 88 91 – suoniescene@libero.it

 

unnamed (15)La leggenda del pianista sull’oceano
Quando: dal 12 al 13 aprile
Luogo: Teatro Civico 14 – Caserta
Orario: ore 21
Produzione: Solisti Dauni/TeatrodeiLimoni
Liberamente tratto da ‘900 di Alessandro Baricco
Adattamento, regia e interprete: Roberto Galano
Musiche originali: Mauro Raucci
Trama: Narra la singolare storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento. Ancora neonato, viene abbandonato nel transatlantico Virginian e viene trovato per caso da Danny Boodman, un marinaio di colore che gli farà da padre fino all’età di otto anni, quando morirà in seguito a una ferita riportata durante una burrasca. Il bambino scompare misteriosamente nei giorni successivi alla morte del padre e quando ricompare incomincia a suonare il pianoforte.
Info e prenotazioni: 0823 441399 – 328 2009765 – info@teatrocivico14.it – http://www.teatrocivico14.it/

 

unnamed (5)Arancia Meccanica
Quando: fino al 13 aprile
Luogo: Teatro Bellini
Orario: feriali ore 21 –  mercoledì 2 aprile ore 17:30 – domenica ore 17:30 – sabato 12 aprile ore 17:30 e 21
Autore: Anthony Burgess
Musiche: Morgan
Regia: Gabriele Russo
Interpreti: Alfredo Angelici, Marco Mario de Notaris, Martina Galletta, Sebastiano Gavasso, Alessio Piazza, Daniele Russo, Paola Sambo
Trama: A distanza di 51 anni dalla prima pubblicazione del romanzo ci si rende conto di quanto Burgess avesse saputo guardare anche oltre il suo tempo, presagendo, attraverso la storia di Alex e dei suoi amici Drughi, una società sempre più incline al controllo delle coscienze ed all’indottrinamento di un “pensiero unico”. Quando ho letto l’adattamento che lo stesso Burgess ha elaborato a suo tempo per il teatro, sono rimasto sorpreso e coinvolto dalla sua completa autonomia drammaturgica. Nella prima parte, al linguaggio originale e caratterizzante dei 4 drughi, si alternano canzoni in versi corredate di libretto e spartito scritto dallo stesso Burgess, aspetto che almeno nella struttura se non nel contenuto mi ha fatto pensare ad un testo brechtiano. Così come nel romanzo la storia viene raccontata in prima persona da Alex, il capo carismatico dei Drughi, nella messinscena tutto sarà vissuto come se ci trovassimo in un suo incubo. La scena sarà una scatola nera al cui interno si materializzeranno le visioni di Alex, installazioni di arte contemporanea che si autodistruggeranno nella scena successiva. Un mondo rarefatto e onirico in cui però avvengono cose reali. In cui ad una causa corrisponde sempre un effetto. La sottile linea di confine fra bene e male, il rapporto fra vittima e carnefice, la connessione fra la violenza del singolo individuo e quella della società saranno i temi che vorrò portare in evidenza. (Gabriele Russo)
Infohttp://www.teatrobellini.it/
Prenotazioni: 081 5499 688 – botteghino@teatrobellini.it

 

Gabriella Galbiati

Print Friendly

Manlio Boutique