Manlio Boutique

Ricca di appuntamenti di teatro, musica  arte e danza, si appresta a partire il prossimo 27 giugno la nuova edizione della rassegna diretta da Giorgio Ferrara.

Giorgio Ferrara, Direttore Artistico del Festival dei 2Mondi

Giorgio Ferrara, Direttore Artistico del Festival dei 2Mondi

Giunto alla sua 57sima edizione, si svolgerà dal 27 giugno al 13 luglio il Festival dei Due Mondi di Spoleto che in 17 giorni di programmazione, confermando la sua caratura internazionale, si articolerà tra teatro, danza, concerti, eventi speciali e arte contemporanea.
Diretto per il settimo anno da Giorgio Ferrara, anche per quest’anno il Festival si pone l’obiettivo di coniugare novità e tradizione, nuove generazioni e capisaldi del mondo artistico, al fine di raccontare in modo sempre più veritiero i tempi correnti ed enfatizzare il valore economico e sociale proprio della Cultura quale volano di sviluppo e crescita.
E per facilitare e favorire l’accesso ad un pubblico sempre più numeroso, in un ottica dunque di inclusione, numerose sono le promozioni di cui si potrà usufruire sull’acquisto dei biglietti a cui si aggiunge un ulteriore regalo: 5000 biglietti al costo di 1 euro che l’organizzazione della rassegna metterà a disposizione di chi è meno favorito in questo periodo di forte crisi economica.
Intanto, di pieno sostegno le parole espresse dal ministro dei Beni e le Attività culturali Dario Franceschini che nel definire il Festival una «eccellenza italiana» non ha mancato di esprimere, in occasione della conferenza stampa tenutasi stamane a Roma, la sua rabbia per le tante occasioni perse finora ma anche l’importanza di «investire nella cultura, nella creatività, nell’intelligenza e nella fantasia degli italiani» alla luce delle enormi potenzialità del Paese, facendo concorrere forze pubbliche e private nel raggiungimento di un unico condiviso obiettivo, così come la realizzazione del Festival di Spoleto dimostra in concreto.

Sogno di una notte di mezza estate - foto di Dianna Oliva-Day

Sogno di una notte di mezza estate – foto di Dianna Oliva-Day

Ma esaminiamo ora la proposta offerta dal cartellone 2014: tanti i nomi di rilievo che raggiungeranno la città umbra per mettere in scena i loro spettacoli, tra questi come non citare Isabelle Huppert e Gérard Depardieu che presenteranno a Spoleto, nell’unica data italiana della loro tournèe, rispettivamente Juliette e Justine, le vice e la vertu, dall’opera francese di Sade, e Love Letters, lavoro teatrale di A. R. Gurney, finalista del premio Pulitzer per il teatro;  e poi il premio Oscar Tim Robbins che dirigerà Sogno di una notte di mezza estate, e ancora colui che è stato definito dal New York Times “una pietra miliare del teatro sperimentale mondiale e un innovatore nell’uso del tempo e dello spazio in palcoscenico”, ovvero Robert Wilson, che curerà la regia di Peter Pan. A Luca Ronconi, da lunghi anni legato al Festival, sarà affidata la direzione di Danza macabra di August Strindberg, definito dalla critica un exemplum della vita coniugale vissuta quale inferno domestico, con Adriana Asti, Giorgio Ferrara, Giovanni Crippa; mentre Luca Barbareschi diretto Chiara Noschese, insieme al Marco Zurzolo 5tet, per festeggiare i suoi primi 40 anni di carriera sarà il protagonista di un ironico one man show intitolato Cercando segnali d’amore nell’Universo. In scena anche l’ultimo lavoro drammaturgico di Franca Valeri Il cambio dei cavalli, interpretato dalla stessa Valeri con Urbano Barberini e Alice Torriani che daranno vita ad un testo dalle battute brillanti e caustiche, in cui riflessioni e aforismi si alterneranno in coerenza con l’arguta scrittura della autrice.

Tra gli eventi speciali, l’omaggio a Vittorio De Sica a cui sarà dedicata una retrospettiva di due giorni con interventi, tra gli altri, di Ugo Gregoretti, Gina Lollobrigida, Ermanno Olmi, Francesco Rosi, Ettore Scola, e lo spettacolo Il migliore dei mondi possibili 1980 2025, realizzato dai detenuti della Casa di Reclusione di Maiano di Spoleto, riuniti nella Compagnia Sine nomine diretta da Giorgio Flamini.

Paul Taylor Dance Company

Paul Taylor Dance Company

Nell’ambito dello spazio dedicato alla danza, invece, tre saranno gli appuntamenti da non perdere: quello con il San Francisco Ballet, compagnia di balletto classico riconosciuta a livello internazionale come una delle più dinamiche al mondo, la Paul Taylor Dance Company che celebrerà i 60 anni di attività del più celebre coreografo americano vivente, emblema della modern dance, e il Galà internazionale di danza durante il quale si esibiranno giovani talenti mondiali, vincitori assoluti di alcuni fra i più importanti concorsi facenti parte dell’International Federation Ballet Competition, così sposando in pieno la mission del Festival di valorizzare gli artisti emergenti.

Per la musica, ospite speciale della rassegna sarà Riccardo Muti che dirigerà l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini in Concerto per un amico; mentre nella sezione Arte la mostra a cura di Achille Bonito Oliva, Sconfinamenti #2, dopo il successo dello scorso anno, punterà questa volta alla scoperta di giovani artisti internazionali, mettendo in relazione arti visive e danza.

Per visionare nei dettagli il programma completo con l’indicazione dei luoghi e delle date, consultare il sito: www.festivaldispoleto.com.

Ileana Bonadies

 

Print Friendly

Manlio Boutique