Manlio Boutique

A ridosso delle polemiche che hanno coinvolto il Teatro Stabile e il Comune di Napoli, presentata in conferenza stampa la stagione 2015-2016 per la quale Luca De Fusco ha previsto – dichiara – «un cartellone in forma di festival». 

Foto di Maurizio Cafiero

Foto di Maurizio Cafiero

«Cerchiamo di trovare un po’ di pace, cosa che in questo teatro scarseggia»: questa  la prima frase che il direttore Luca De Fusco pronuncia al microfono, davanti alla platea del Teatro Mercadante affollata da abbonati, artisti e giornalisti. L’espressione si riferisce al chiacchiericcio causato dalle persone in sala che ancora devono prender posto, ma ovviamente allude alla situazione confusa e poco chiara che lo Stabile si trova a vivere da circa quattro mesi con riguardo anche alla polemica tra il direttivo del teatro e il Comune, presente-assente alla conferenza solo tramite un messaggio dell’assessore Nino Daniele nel quale è stato rinnovato il sostegno agli artisti coinvolti in cartellone, alimentata a suon di dichiarazioni e comunicati-stampa.
Pur non essendo la questione argomento d’esclusivo interesse di questo articolo, a rigore di cronaca, non si può prescindere dal riportare quanto è stato detto in merito durante la conferenza. Il presidente Adriano Giannola ha spiegato di non aver lasciato l’incarico, sebbene sfiduciato, per non compromettere la delicata posizione del teatro, all’epoca in gara per il riconoscimento della qualifica di Teatro Nazionale da parte del MiBACT. Riportando quanto scritto in una mozione Giannola ha dichiarato che si dimetterà, ma «al fine di dare continuità alla gestione si ritiene opportuno che la procedura si concluda all’esito dell’appuntamento elettorale che a fine mese interesserà tre degli attuali soci: raggiunto l’accordo tra i soci, il Presidente convocherà quindi l’Assemblea alla quale si presenterà dimissionario». Quindi De Fusco ha ringraziato il presidente ed energicamente ha affermato di sottoporre a querela quanti, di lì in poi, avrebbero espresso eventuali perplessità e giudizi fallaci, a suo dire, sulle valutazioni che la commissione del Ministero ha assegnato al progetto proposto per il Nazionale. Il focus dell’attenzione quindi si è spostato sull’impresa raggiunta, e cioè quella di aver fatto diventare lo Stabile napoletano, Teatro Nazionale. Un evento importante per l’intera comunità cittadina, attorno al quale non sono mancate, nei mesi addietro, discussioni e dubbi da parte dell’opinione pubblica, chiosate dal direttore con una metafora calcistica, com’è consuetudine fare nella tanto praticata spicciola politica italiana.
Illustrando il programma artistico per il prossimo anno, l’ambizione di De Fusco emersa è quella di proiettare il teatro verso un panorama internazionale di rilievo che possa destare curiosità, non solo nel pubblico partenopeo, ma anche in quello nazionale (come ben suggerisce il nuovo nome dello Stabile), attraverso anteprime e debutti assoluti. Tra gli eventi esclusivi, in ospitalità al Teatro Politeama, sono da segnalare Liturgia Zero, da Il giocatore di Dostoevskij, per la regia di Valery Fokin e Y Olé! che vanta la coreografia del francese José Montalvo, già presente a Napoli per il NTFI nel 2013, quando alla direzione c’era lo stesso De Fusco. Un altro nome noto è quello del regista franco-argentino Alfredo Arias, per due anni al San Ferdinando con Circo Equestre Sgueglia, che torna a marzo, stavolta al Mercadante con Il Bugiardo di Carlo Goldoni, in un adattamento curato da lui e da Geppy Gleijeses che ne è anche il protagonista. Lo spettacolo è inoltre in programma nell’ultima edizione del NTFI, di cui De Fusco non è direttore, ma con il quale pare abbia un legame d’intenti forte, a guardare i nomi degli artisti e confrontando i programmi del Festival (anche degli anni passati) e del Nazionale. Non si può far a meno, allora, di soffermarsi sull’espressione “un cartellone in forma di festival”, che sembra più prestarsi all’equivoco piuttosto che mostrare il carattere pluralista dell’offerta alla città.
Ad inaugurare il cartellone del Mercadante è In memoria di una signora amica, di Patroni Griffi, per la regia di Francesco Saponaro, mentre a dare il via alla stagione del San Ferdinando è Antonio Latella, con la ripresa di C’è del pianto in queste lacrime. Lo Stabile continua poi con le sue produzioni: Casa di bambola, riscritto da Raffaele La Capria e diretto da Claudio Di Palma, Dalla parte di Zeno, di Valeria Parrella e con Andrea Renzi in veste di regista, Spaccanapoli Times, testo e regia di Ruggero Cappuccio, Giorni felici, diretto da Lluìs Pasqual e Pigmalione portato in scena da Benedetto Sicca, grazie alla traduzione di Manlio Santanelli, il quale, per il lavoro di riscrittura da Shaw, si è definito «un traghettatore che porta il testo dalle rive del Tamigi a Mergellina».

Foto di Maurizio Cafiero

Foto di Maurizio Cafiero

Due sono le co-produzioni con il Teatro Stabile di Catania che propongono la messinscena di Orestea, da Eschilo, per la regia di Luca De Fusco, diviso in due parti, eccezionalmente recitate come un unicum, una volta alla settimana, e Re Lear, interpretato da Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini, sotto la guida di Giuseppe Di Pasquale. Un ritorno molto applaudito è stato quello di Isa Danieli, al suo debutto con Shakespeare, con Sogno di una notte di mezza estate, riscritto da Ruggero Cappuccio e diretto da Claudio Di Palma, che la vede sul palco al fianco di Lello Arena. Molte e diverse le ospitalità che vanno da Medea, per la regia di Gabriele Lavia a Candide diretto da Fabrizio Arcuri, da Gli innamorati, con la drammaturgia di Vitaliano Trevisan e la regia di Andrée Ruth Shammah a Filumena Marturano, diretto da Nello Mascia e interpretato dallo stesso in coppia con Gloriana.
Novità di quest’anno è l’anteprima di stagione nella quale saranno presentati due spettacoli, affiancati dall’ormai decennale progetto di Arrevuoto. Il 20 e 21 giugno Massimiliano Gallo, Giovanna Di Rauso ed Autilia Ranieri daranno vita a La Signorina Giulia, di August Strindberg, per la regia del cileno Cristián Plana, presso il Teatro San Ferdinando, e ancora dal 25 al 28 giugno Mimmo Borrelli allestirà Opera pezzentella, nel Complesso Museale della Chiesa di Santa Maria del Purgatorio ad Arco. Infine, per quanto riguarda il percorso artistico del  Ridotto, il programma è in fase di completamento, ma sembra voler garantire uno sguardo alla drammaturgia contemporanea e riservare uno spazio ad uno scrittore, ancora da individuare.

Di seguito, nei dettagli, il programma che ci è stato fornito:

Teatro Mercadante
28 ottobre > 15 novembre 2015
IN MEMORIA DI UNA SIGNORA AMICA
di Giuseppe Patroni Griffi
regia Francesco Saponaro
con Mascia Musy, Fulvia Carotenuto, Cristina Donadio, Antonella Stefanucci, Imma Villa, Eduardo Scarpetta, Edoardo Sorgente, Tonino Taiuti, Carmine Borrino, Clio Cipolletta, Giorgia Coco
scene Lino Fiorito
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

24 novembre > 20 dicembre 2015
ORESTEA (spettacolo in due parti)
Agamennone-Coefore e Eumenidi
di Eschilo
regia Luca De Fusco
con Mariano Rigillo, Elisabetta Pozzi, Angela Pagano, Gaia Aprea, Claudio Di Palma, Giacinto Palmarini, Anna Teresa Rossini, Francesco Biscione, Paolo Cresta, Francesca De Nicolais, Gianluca Musiu, Federica Sandrini, Paolo Serra, Enzo Turrin
scene Maurizio Balò
costumi Zaira De Vincentiis
coreografie Noa Wetheim
musiche Ran Bagno
adattamento vocale Paolo Coletta
produzione Teatro Stabile di Napoli-Teatro Stabile di Catania
anteprima assoluta Benevento Città Spettacolo 2015

13 >31 gennaio 2016
LA SIGNORINA GIULIA
di August Strindberg
regia Cristián Plana
con Giovanna Di Rauso, Massimiliano Gallo, Autilia Ranieri
produzione Teatro Stabile di Napoli e Fundacion Festival Santiago a Mil (Cile)
anteprima assoluta 20 e 21 giugno 2015 Teatro San Ferdinando di Napoli

17 > 28 febbraio 2016
MEDEA
di Euripide
traduzione Maria Grazia Ciani
regia Gabriele Lavia
con Federica Di Martino, Daniele Pecci, Angiola Baggi, Umberto Ceriani, Pietro Biondi, Gabriele Anagni
e con Maria Pizzigallo, Giulia Gallone, Malvino Ruggiano, Anna Scola, Silvia Biancalana, Lorenza Sorino, Claudia Crisafio, Flaminia Cuzzoli, Diletta Masetti, Katia Mirabella, Sara Missaglia, Silvia Maino, francesca Muoio, Maria Laura Caselli
costumi Emanuele Zero
scenografia Alessandro Camera
musiche Giordano Corapi
luci Michelangelo Vitullo
anteprima assoluta Teatro Romano di Fiesole 19 e 20 giugno 2015

8 > 13 marzo 2016
IL BUGIARDO
di Carlo Goldoni
adattamento di Alfredo Arias e Geppy Gleijeses
regia Alfredo Arias
con Geppy Gleijeses, Marianella Bargilli, Andrea Giordana, Lorenzo Gleijeses, Mauro Gioia
scene e costumi Chloe Obolenski
produzione Gitiesse Artisti Riuniti
ospitalità

15 > 20 marzo 2016
CANDIDE
ispirato a Voltaire
di Mark Ravenhill
regia Fabrizio Arcuri
traduzione di Pieraldo Girotto
cast in via di definizione
produzione Teatro di Roma
ospitalità

30 marzo > 17 aprile 2016
CASA DI BAMBOLA
di Henrik Ibsen
regia Claudio Di Palma
con Gaia Aprea, Claudio Di Palma, Giacinto Palmarini, Paolo Serra
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

20 aprile > 1 maggio 2016
RE LEAR
di William Shakespeare
regia Giuseppe Di Pasquale
con Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini
produzione Teatro Stabile di Napoli-Teatro Stabile di Catania
anteprima assoluta al Teatro Stabile di Catania

3 > 8 maggio 2016
GLI INNAMORATI
di Carlo Goldoni
drammaturgia di Vitaliano Trevisan
regia Andrée Ruth Shammah
con Marina Rocco, Matteo De Blasio, Roberto Laureri, Elena Lietti, Alberto Mancioppi, silvia Giulia Mendola, Umberto Petranca, Andrea Soffiantini
scene e costumi Gian Maurizio Fercioni
luci Gigi Saccomandi
musiche Michele Tadini
produzione Teatro Franco Parenti
ospitalità

Teatro San Ferdinando
13 > 18 ottobre 2015
C’È DEL PIANTO IN QUESTE LACRIME
drammaturgia Antonio Latella e Linda Dalisi
regia Antonio Latella
con Leandro Amato, Michele Andrei, Alessandra Borgia, Michelangelo Dalisi, Lino Musella, Candida Nieri, Emilio Vacca, Valentina Vacca, Francesco Villano
scene e costumi Simone Mannini e Simona D’Amico
luci e direzione palco Simone De Angelis
musiche Franco Visioli
produzione Teatro Stabile di Napoli, Fondazione Campania dei Festival-Napoli teatro Festival, stabile mobile compagnia Antonio Latella
ripresa

4 > 22 novembre 2015
SPACCANAPOLI TIMES
testo e regia Ruggero Cappuccio
con Ruggero Cappuccio, Ciro Damiano, Giovanni Esposito, Gea Martire, Marina Sorrenti
scene Nicola Rubertelli
costumi Carlo Poggioli
musiche Marco Betta
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

25 dicembre 2015 > 6 gennaio 2016
FILUMENA MARTURANO
di Eduardo De Filippo
regia Nello Mascia
con Gloriana e Nello Mascia
produzione Arteespettacolo, Prospet-Produzione Spettacolo
ospitalità

20 gennaio > 7 febbraio 2016
DALLA PARTE DI ZENO
di Valeria Parrella
regia Andrea Renzi
con Carmine Borrino, Fulvia Carotenuto, Clio Cipolletta, Cristina Donadio, Mascia Musy, Antonella Stefanucci, Tonino Taiuti
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

10 > 21 febbraio 2016
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZ’ESTATE
da William Shakespeare
riscrittura Ruggero Cappuccio
regia Claudio Di Palma
con Isa Danieli, Lello Arena, Fabrizio Vona, Renato De Simone, Enzo Mirone, Antonella Romano e un’attrice da definire
scene Luigi Ferrigno
costumi Annamaria Morelli
musiche Massimiliano Sacchi
produzione Ente Teatro cronaca Vesuvioteatro in collaborazione con Officine Culturali Bon Voyage Produzioni e Frosinone Teatro e con il 49° Festival Teatrale di Borgio Verezzi
ospitalità

2 > 20 marzo 2016
PIGMALIONE
di George Bernard Shaw
regia Benedetto Sicca
traduzione Manlio Santanelli
con Gaia Aprea, Angela Pagano, Giacinto Palmarini, Federica Sandrini, Paolo Serra
scene Maria Paola Di Francesco
luci Marco Giusti
costumi Frederick Denis
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

13 > 24 aprile 2016
GIORNI FELICI
di Samuel Backett
regia Lluìs Pasqual
con Angela Pagano, Enzo Turrin
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

Ridotto del Mercadante
ottobre-novembre 2015
STORIE NATURALI E STRAFOTTENTI
dalle opere di Giuseppe Patroni Griffi
progetto a cura di Luca De Fusco
produzione Teatro Stabile di Napoli

LA MORTE DELLA BELLEZZA
drammaturgia e regia Benedetto Sicca
con Mauro Lamantia, Benedetto Sicca
scene Luigi Ferrigno
costumi Zaira De Vincentiis
disegno luci Marco Giusti
produzione Teatro Stabile di Napoli
ripresa

RAGAZZO DI TRASTEVERE
drammaturgia e regia Giuseppe Sollazzo
con Anna Ammirati, Michele Costabile, Davide Paciolla
scene Luigi Ferrigno
costumi Zaira De Vincentiis
disegno luci Gigi Saccomandi
registrazioni audio video Alessandro Papa
voce registrata Mariano Rigillo
produzione Teatro Stabile di Napoli
ripresa

LA NOTTE BLU DEL TRAM
regia Pino Carbone
con Francesca De Nicolais, Giovanni Del Monte
scene Luigi Ferrigno
costumi Zaira De Vincentiis
disegno luci Gigi Saccomandi
installazioni Luca Carbone
musiche Marco Messina
produzione Teatro Stabile di Napoli
ripresa

novembre 2015-gennaio2016
NUOVA DRAMMATURGIA
IL GIORNO DELLA LAUREA
testo, regia e spazio scenico Giovanni Meola
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

THE OPEN GAME
liberamente ispirato a Open di Andrè Agassi
regia Felice Panico
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

LOST LAND
spettacolo musicale di e con Mauro Gioia
testo di Antonio Pascale
canzoni di Mauro Gioia e Mark Plati
arrangiamenti di Mark Plati
con Mauro Gioia (canto), Mark Plati (chitarre e basso), Lisa Germano (violino e canto), Jim Boggia (tastiere, chitarre, ukulele), Mark Kerr (batteria, percussioni), Burt Young (voce)
produzione Jando Music (It) in accordo con la Prod JV (Fr)
ospitalità

LA REGGENTE
di Fortunato Calvino
regia Stefano Incerti
produzione Teatro Stabile di Napoli
debutto assoluto

QUELL’ULTIMA PARATA
scritto e diretto da Fabrizio Bancale
produzione Prospet-Promozione Spettacolo
ospitalità

febbraio-maggio 2016
LETTERATURA E TEATRO

AVANPROGRAMMA DI STAGIONE
6 > 7 giugno 2015 | Auditorium di Scampia
ARREVUOTO
Decimo movimento
direzione artistica Maurizio Braucci
da un’idea di Roberta Carlotto
direzione pedagogica Chi rom e…chi no
regia Pino Carbone, Alessandra Cutolo, Christian Giroso, Nicola Laieta, Antonio Laurenti
coreografie Ambra Marcozzi, Linda Martinelli
musiche Maurizio Capone, Antonella Monetti, Manuela Renno, Angelo Beneduce
costumista Alessandra Gaudioso
scenografie Raffaele Di Florio
assistente scenografo Marco Matta
produzione Teatro Stabile di Napoli

20 > 21 giugno 2015 | Teatro San Ferdinando
LA SIGNORINA GIULIA
di August Strindberg
regia Cristián Plana
con Giovanna Di Rauso, Massimiliano Gallo, Autilia Ranieri
produzione Teatro Stabile di Napoli e Fundacion Festival Santiago a Mil (Cile)

25 > 28 giugno 2015 | Complesso Museale della Chiesa di Santa Maria del Purgatorio ad Arco
OPERA PEZZENTELLA
anime scellate dalla faccia sporca
un percorso di ricerca antropologica, testi, drammaturgia e creazione di Mimmo Borrelli
musiche Antonio Della Ragione
luci Cesare Accetta
elementi scenografici e spazio scenico Luigi Ferrigno
costumi Enzo Pirozzi
con Paolo Fabozzo, Federica Altamura, Enzo Gaito, Andrea Caiazzo, Renato De Simone, Isabella Lubrano, Sara Scotto di Luzio, Sara Guardascione, Veronica D’Elia, Mimmo Borrelli, Riccardo Ciccarelli, Lucienne Perreca

Antonella D’Arco

Teatro Mercadante  e  Ridotto
Piazza Municipio – Napoli

Teatro San Ferdinando
Piazza Eduardo De Filippo, 20 – 80133 Napoli

Contatti: http://www.teatrostabilenapoli.it/ – Biglietteria: 081 551 33 96 – biglietteria@teatrostabilenapoli.it

Print Friendly

Manlio Boutique