Manlio Boutique

Forte di un successo in crescita di anno in anno, il Teatro Stabile dell’Umbria presenta il nuovo cartellone di prosa per la direzione artistica di Franco Ruggieri, puntando sulla notorietà dei suoi protagonisti, ma scommettendo anche su nuovi talenti emergenti.

Alessandro Gasmann

Alessandro Gasmann

Spettacoli di qualità, il ritorno di registi molto apprezzati e l’arrivo di nuovi talenti in Umbria, tra prosa e danza, andranno a comporre il cartellone 2016/2017 del Teatro Morlacchi di Perugia curato dal Teatro Stabile dell’Umbria. Ad ospitare la presentazione è stato l’imprenditore-mecenate, nonché presidente del Consiglio di Amministrazione TSU, Brunello Cucinelli che, con la moglie Federica, ha aperto le porte della sua azienda alla stampa proponendo, com’è nel suo stile, l’illustrazione del programma accompagnata da un raffinato momento di convivio. Al direttore Franco Ruggieri è stato affidato il compito di illustrare la serie di spettacoli ben assortiti, scelti appositamente per accontentare differenti tipologie di pubblico.
Il sipario dello storico teatro si aprirà a metà ottobre per ospitare lo spettacolo di Alessandro Gassmann Qualcuno volò sul nido del cuculo (qui la recensione) di Dal Wasserman nel quale il regista figlio d’arte, seppur in linea con l’omonimo romanzo di Ken Kesey, sceglie di collocare la storia in un ospedale psichiatrico di Anversa del 1982. Secondo appuntamento di stagione dedicato alla danza con Lo schiaccianoci per le coreografie di Amedeo Amodio (29-30 ottobre). Il primo fine settimana di novembre vedrà protagonista Pippo Delbono con Vangelo in cui il regista, tra autobiografia e un lungo lavoro di ricerca, fa emergere  tutte “quelle immagini, quelle voci, quei suoni, quegli echi, quei silenzi sentiti in quei campi di zingari e di profughi, in quelle corsie d’ospedale, ma anche quella forza vitale, quella inspiegabile gioia trovata nei luoghi deputati al dolore”. Chiude il mese Un’ora di tranquillità del giovane autore francese Florian Zeller che dà vita ad una commedia ironica e provocatrice, diretta ed interpretata da Massimo Ghini. Cast tutto al femminile per Due partite, commedia di Cristina Comencini, in programma dal 9 all’11 dicembre, con Giulia Michelini, Paola Minaccioni, Caterina Guzzanti e Giulia Bevilacqua dirette da Paola Rota. Dedicato al quattrocentesimo anniversario della scomparsa di William Shakespeare il Machbeth diretto e interpretato da Franco Branciaroli che dal 14 al 18 dicembre torna a confrontarsi con la tragedia del “Bardo” dopo l’interpretazione del 1994 nell’edizione diretta da Giancarlo Sepe. Chiusura d’anno, infine, con la commedia di Alan Bennet Nudi e crudi (28-31 dicembre) con Maria Amelia Monti, Paolo Calabresi e Nicola Sorrenti impegnati in un ironico dramma di coppia.

Michele Riondino

Michele Riondino

Affidata a Angelicamente Anarchici. Fabrizio De Andrè e Don Gallo (11-12 gennaio), con Michele Riondino, in veste di regista ed interprete dell’intensa e intima amicizia che legava il poeta al sacerdote anarchico, l’inaugurazione del 2017, seguita da Scandalo diretto da Franco Però che, dal 18 al 22 gennaio, porterà sul palco del Morlacchi Stefania Rocca e Franco Castellano, protagonisti di commedia amara incentrata su una storia d’amore. Quindi sarà la volta di Romeo e Giulietta (27 gennaio), il balletto in un atto unico, vincitore del Premio Danza&Danza 2015 come miglior produzione italiana, liberamente tratto da William Shakespeare su coreografie e drammaturgia di Davide Bombana,. Il 1 e il 2 febbraio attesa padrona della scena sarà Emma Dante con Operetta Burlesca con Viola Carinci, Roberto Galbo, Francesco Guida, Carmine Maringola (qui la recensione), mentre nuovamente spazio alla danza sarà dato mercoledì 15 febbraio con una doppia performance composta da Un lieto disonore, in memoria del poeta perugino Sandro Penna (produzione del Teatro Stabile dell’Umbria in collaborazione con MM Contemporary Dance Company e Centrodanza Spazio Performativo) e Bolero su coreografie di Michere Merola.

Moni Ovadia

Moni Ovadia

Il casellante di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale (anche regista) porterà a Perugia, dal 22 al 26 febbraio, il racconto in musica delle trasformazioni del dolore della maternità negata, della guerra e del periodo fascista nella Sicilia degli anni Quaranta, affidando a Moni Ovadia il ruolo del protagonista assoluto, accompagnato da Valeria Contadino e dalle musiche di Mario Incudine. Con l’arrivo di marzo spazio, dal 1 al 5, a Il prezzo di Arthur Miller (qui la recensione) con Massimo Popolizio, Umberto Orsini, Alvia Reale ed Elia Schilton, interpreti di una  commedia che trasformerà il palco in un vero “ring” teatrale prima di lasciare posto a Filippo Timi, interprete dei tre ruoli maschili, e Marina Rocco, nelle vesti di Nora,  che saranno invece i protagonisti di La casa di bambola di Henrik Ibsen dal 14 al 19 marzo nell’allestimento di Andrée Ruth Shammah.
A seguire (23 marzo), a grande richiesta, tornano al Morlacchi gli atletici ed energici danzatori della Parsons Dance, con l’omonimo spettacolo, mentre a concludere la stagione sarà un attore molto amato dal pubblico perugino, Neri Marcorè in Quello che non ho (20 marzo-2 aprile), liberamente ispirato all’opera di Pier Paolo Pasolini, sulla scia delle canzoni di Fabrizio De Andrè e delle “visioni lucide e beffarde” dell’intellettuale tra i più incisivi del XX secolo.

Novità assoluta della nuova stagione Teatro insieme, un appuntamento settimanale “speciale” dedicato alle famiglie per consentire ai genitori di assistere agli spettacoli senza doversi preoccupare dei propri figli. Grazie ad una collaborazione con il POST (Officina della Scienza e della Tecnologia di Perugia), infatti, il Teatro Stabile dell’Umbria promuoverà per bambini dai 5 agli 11 anni una serie di eventi collaterali allo spettacolo, costruiti su misura per loro divertendosi tra caccie al tesoro volte a scoprire suggestivi angoli del teatro, percorsi di teatro-scienza e visite di affascinanti spazi poco conosciuti.

Francesca Cecchini

Teatro Stabile dell’Umbria
Via del Verzaro, 20 – Perugia
informazioni e prenotazioni: 075.575421 –  www.teatrostabile.umbria.it  – tsu@teatrostabile.umbria.it

Print Friendly

Manlio Boutique