Manlio Boutique

Dal 27 ottobre, al Teatro di via Mecenate a Roma, nella rassegna diretta da Emanuela Rea, la scena contemporanea nostrana protagonista con 12 spettacoli, percorsi tematici, laboratori e incontri.

"Salvatore" - Foto Antonio Licari

“Salvatore” – Foto Antonio Licari

Si sviscerano psicosi e nevrosi del nostro tempo, si affrontano scritture e poeticità figlie di uno oggi spazio-temporale da sondare, svelare, condividere, in questa seconda edizione de “Lo Spazio del racconto”, cui si deve la coordinazione artistica a Emanuela Rea, in partenza dal prossimo giovedì 27 ottobre al Brancaccino di Roma.
Un programma interamente rivolto alla narrazione del contemporaneo, del quotidiano, dell’attualità storica, politica, sociale, umana, costituito da 12 lavori (comprensivi di 5 prime nazionali) a copertura dell’intera durata stagionale, cui s’aggiungono laboratori, confronti diretti con autori e artisti, e due rassegne (quella musicale “Show Off”, e quella al femminile “Una stanza tutta per lei”, diretta da Daniele Salvo).
Si comincia (il 27) con La voce umana di Cocteau e regia di Marco Carniti, dove troveremo l’amante abbandonata sepolta da mezzi di comunicazione, in un luogo immobile nel tempo. Ci sarà Vinicio Marchioni alla regia de L’eternità dolcissima di Renato Cane di Valentina Diana, per un “omicidio sociale” operato dal vizioso e autodistruttivo circolo consumistico (più lavoro per più soldi, più acquisti, più benessere, più consumo, più consumo, più consumo) sull’individuo moderno, vittima e ingranaggio del meccanismo capitalistico. Vedremo anche un’ipotetica futura periferia capitolina rappresentata dal quartiere Torre Elettra di Giancarlo Nicoletti: sobborgo urbano abbandonato da legalità e giustizia, abitato da una famiglia di odierna Orestea insanguinata da violenze e vendette; vedremo attriti siciliani fra tradizioni (anche sonore), memorie e sacralità, e innovativi approcci al mondo, nel Salvatore – favola triste per voce sola di e con Silvio Laviano, regia Tommaso Tuzzoli; vedremo un mix d’icone e melodie intorno all’arte contemporanea, ne L’arte è una caramella, scritto e diretto da Gian Marco Montesano; e vedremo l’evoluzione di un amore omosessuale nato tra i banchi di scuola e non-detto per una vita intera, nelle Scoperte geografiche di Marco Morana, regia di Virginia Franchi.

"Metafisica dell’amore" - Foto Simona Gamba

“Metafisica dell’amore” – Foto Simona Gamba

Prima nazionale per Liberaci dal male di Giampaolo G. Rugo, diretto da Massimiliano Farau, dove si arriva all’atroce gesto del rapimento di un bambino per tentare una vita migliore  altrove. Ci misureremo, inoltre, con interessanti decostruzioni di linguaggio e di relazioni umane nella collaborazione drammaturgica di Federico-Sorrentino-Belviso per la commedia dark Crimini tra amici, con una cena rivelatasi occasione di febbrili reazioni a temi scomodi – dalla mafia all’immigrazione, dal nazismo alla pedofilia – e seriali azioni criminali, sedicenti e morbose portatrici di “giustizia”; e nel ritorno di Muta Imago, ovvero scrittura e vocalità di Riccardo Fazi e direzione di Claudia Sorace, col debutto di Bartleby, seconda tappa dei “Racconti americani” (iniziati nella scorsa stagione della rassegna con Fare fuoco da Jack London), che s’ispira al testo di Melville per narrare con suoni e immagini il rivoluzionario “preferirei di no” detto e reiterato dallo scrivano in rottura delle abitudini ossequiose verso lavoro e vita.
Ci sarà poi Fabrizio Sinisi che riscrive Gl’innamorati di Goldoni, regia di Giampiero Borgia, per immergerlo nei disagi del presente; Giancarlo Fares dirige Tea Room di Raffaella Conti, tra decisioni da prendere e mancanze di coraggio, maschere d’apparenza e fratture interne; e ci saranno Le Brugole, alias Roberta de Stefano e Annagaia Marchioro,  impegnate nella Metafisica dell’amore di Giovanna Donini, con relazioni affettive femminili a spiegare che l’amore non ha sesso.

Nicole Jallin

Teatro Brancaccino
via Mecenate 2, Roma
contatti: 06 80687231 – botteghino@teatrobrancaccio.it – teatrobrancaccio.it

Print Friendly

Manlio Boutique