Manlio Boutique

Teatro contemporaneo, commedie, musica e un salto indietro nel tempo per indagare l’identità femminile negli anni Sessanta tra le proposte di questa prima settimana teatrale.

unnamed-24Film, macchina della vista e dell’udito
Quando: 6 e 7 dicembre  
Dove: Teatro Bertolt Brecht di Perugia
Orario: ore 20 e ore 21.45
Autore: Florinda Fusco
Regia: Vincenzo Schino  
Interpreti: Catia Galli (azione vocale), Pierluca Cetera (opera pittorica)
Trama: “Film” è un’opera dei sensi. Si trova a metà tra lo spettacolo teatrale e l’installazione, ma soprattutto a metà tra tradizione e innovazione. Infatti le antiche tecniche della pittura a olio e del racconto orale sono qui rappresentate in tutta la loro forza: il racconto viene ascoltato al buio, completamente immersi nella voce e nei suoni, e il ciclo pittorico viene guardato in rapporto di stretta vicinanza e quasi “spiato” in tutti i suoi particolari che si rivelano e cambiano in maniera sorprendente, poco a poco. Al tempo stesso però il racconto e la pittura vengono “animati” in maniera del tutto innovativa e contemporanea dalle tecnologie di video arte, robotica e sound design. In questo contesto così particolare, anche il ruolo dello spettatore viene ridisegnato.
Info e prenotazioni: Fontemaggiore tel. 075.5286651 – 075.5289555 – www.fontemaggiore.it

 

unnamed-25Bellissime
Quando: 7 dicembre
Dove: Teatro della Filarmonica di Corciano
Orario: ore 21
Autore: Luca De Gennaro
Interpreti: Syria, Tony Canto (chitarra)
Trama:  La cantante di successo Syria tornare a calcare il palcoscenico nove anni dopo l’esperienza con Paolo Rossi in Chiamatemi Kowalski – Il ritorno. Bellissime è uno spettacolo teatro-canzone che ripercorre la musica italiana attraverso le melodie rese immortali dalle nostre più grandi interpreti femminili. Partendo dagli anni ’60 arriva fino ai giorni nostri, in un viaggio in cui alla musica si uniscono le parole. Accompagnata dal chitarrista Tony Canto, Syria riesce a fare emergere il lato più profondo dei sentimenti delle canzoni che interpreta, da Grazie dei fiori di Nilla Pizzi a Incancellabile di Laura Pausini
Info e prenotazioni: Botteghino Telefonico Regionale 075.57542222 – www.teatrostabile.umbria.it

 

nella foto Andrea Renzi  e Tony LaudadioBirre e rivelazioni
Quando: 8 dicembre
Dove: Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi
Orario: ore 21.15
Autore: Tony Laudadio
Regia: Tony Laudadio
Interpreti: Andrea Renzi, Tony Laudadio
Trama: “Birre e rivelazioni” porta in scena un confronto progressivo e scomodo tra due adulti, un professore di italiano e il proprietario di una birreria, che parlano di uno stesso giovane, la cui assenza sulla scena illumina tutto il testo. Nonostante sembri una visita casuale, i motivi che hanno indotto il professore a frequentare la birreria, saranno il lento e costante svelamento che costituirà la trama di questa relazione umana. Nell’arco di otto birre si scoprirà che ciò che si crede di conoscere degli altri, di chiunque ma persino del proprio stesso figlio, è il vero mistero e quando si tratta delle persone che amiamo è un mistero doppio perché ci toglie lucidità. E ad ogni svelamento una porzione di quell’amore viene messa alla prova. Fino alla prova finale e alla conoscenza più difficile: quella di se stessi.
Info e prenotazioni: 333.7853003 – info@teatroinstabili.com

 

unnamed-26Invisibilmente + Him
Quando: 9 dicembre
Dove: Spazio Zut di Foligno
Orario: ore 21.15
Autore: Consuelo Battiston Gianni Farina, Alessandro Miele (Invisibilmente), Chiara Lagani (Him)
Regia: Gianni Farina (Invisibilmente), Luigi de Angelis (Him)  
Interpreti: Consuelo Battiston, Alessandro Miele (Invisibilmente). Marco Cavalcoli (Him)
Trama:  Invisibilmente Oppressi da un forte controllo, due malcapitati devono affrontare uno strano scherzo del destino. I sotterfugi per girare a loro favore la situazione si rivelano tutti vani. Braccati non hanno tregua. Bloccati, vengono tenuti continuamente sottocchio. Cosa resta loro da fare? Nascondersi sotto gli occhi di tutti. Him Al termine della sua famosa storia Dorothy giunge a Oz e scopre che il suo mago è in realtà un ventriloquo, esperto d’aria e mongolfiere, artista di illusioni e altre cose inesistenti. Le sue alterne sembianze si rivelano fittizie e mendaci. Ma erano davvero un inganno? Su un grande schermo approntato su palco è proiettato un film su Il Mago di Oz. Al centro della scena troviamo la figura di un piccolo dittatore-direttore d’orchestra, ossessionato dal film, del quale esegue senza tregua il doppiaggio, arrogandosi tutti i ruoli e, di più, l’intera parte audio: voci, musiche, suoni e rumori.
Info e prenotazioni: 389.0231912 – spaziozut.organizzazione@gmail.com

 

unnamed-27Due partite
Quando: dal 9 all’11 dicembre
Dove: Teatro Morlacchi di Perugia
Orario: venerdì ore 21 (fuori abbonamento), sabato ore 18, domenica ore 17  
Autore: Cristina Comencini
Regia: Paola Rota
Interpreti: Giulia Michelini, Paola Minaccioni, Caterina Guzzanti, Giulia Bevilacqua
Trama: La commedia di successo che ha segnato l’esordio alla drammaturgia di Cristina Comencini rivive oggi sul palcoscenico grazie a quattro attrici straordinarie, molto amate dal pubblico. Anni Sessanta, quattro donne, molto amiche tra loro, giocano a carte e parlano in un salotto. Si ritrovano lì ogni settimana e nella stanza accanto le loro figlie giocano alle signore. Quando le quattro bambine diventano delle donne si vedono nella stessa casa e continuano quel dialogo, interrotto e infinito, sui temi fondanti dell’identità femminile. Gli eventi che le tengono unite sono i più naturali e significativi dell’esistenza: la nascita e la morte. La conversazione procede tra di loro con un ritmo incalzante, tragico e comico al tempo stesso, e in questo flusso di pensieri e parole le loro identità si confondono e si riflettono in quelle delle loro madri, in una continua dinamica di fusione e opposizione. Uno spettacolo dal meccanismo perfetto che alterna la comicità a momenti di vera e propria commozione.
Info e prenotazioni: Botteghino Telefonico Regionale 075.57542222 – www.teatrostabile.umbria.it

 

celestini-internaLaika
Quando: 10 dicembre
Dove: Teatro Nuovo Giancarlo Menotti di Spoleto
Orario: ore 21
Autore: Ascanio Celestini
Regia: Ascanio Celestini
Interpreti: Ascanio Celestini, Gianluca Casadei (filarmonica), Alba Rohrwacher (voce fuori campo)
Trama: Ascanio Celestini, uno degli interpreti più amati e apprezzati del teatro di narrazione, porta in scena, in maniera grottesca e ironica, un Gesù improbabile che dice di essere stato mandato molte volte nel mondo e che si confronta coi propri dubbi e le proprie paure. Vive chiuso in un appartamento di qualche periferia. Dalla sua finestra si vede il parcheggio di un supermercato e il barbone che di giorno chiede l’elemosina e di notte dorme tra i cartoni. Con Cristo c’è Pietro che passa gran parte del tempo fuori di casa ad operare concretamente nel mondo: fa la spesa, compra pezzi di ricambio per riparare lo scaldabagno, si arrangia a fare piccoli lavori saltuari per guadagnare qualcosa. Questa volta Cristo non si è incarnato per redimere l’umanità, ma solo per osservarla.
Info e prenotazioni: Botteghino Telefonico Regionale 075.57542222 – www.teatrostabile.umbria.it

 

unnamed-28Se il tempo fosse un gambero?  
Quando: 10 dicembre alle ore 21 e 11 dicembre alle ore 17
Dove: Teatro Lyrick di Assisi
Regia: Saverio Marconi
Interpreti: Francesco Pannofino, Emy Bergamo
Trama: Edizione rinnovata (ma rispettosa di quella diretta da Pietro Garinei) di “E… se il tempo fosse un gambero”, lo spettacolo racconta una storia delicata e divertente che si snoda tra il 2016 e… 60 anni fa. Il sogno di poter tornare indietro nel tempo è da sempre un’ipotesi seducente, accompagnata in questa commedia da una colonna sonora memorabile e dalla leggerezza e divertimento del testo originale proposto in un nuovo adattamento, che rende questo spettacolo quanto mai attuale. L’ottantenne Adelina, rimasta nubile, mentre spegne le candeline di un compleanno così importante trascorso in solitudine e piena di nostalgia per la giovinezza perduta, esprime un desiderio segreto e mai sopito, per il quale venderebbe anche l’anima: tornare a quando aveva 20 anni e poter così sposare quel principe che aveva chiesto la sua mano e che lei aveva rifiutato. Ecco allora che, servendosi di un diavolo di passaggio e di “serie C”, il Re delle Tenebre intercetta questo desiderio e per indurla in tentazione la riporta indietro di 60 anni: è così che Adelina torna ad essere una giovane fruttivendola a Campo De’ Fiori, alle prese con le avance del Principe Poniatowskij e ai debiti di famiglia; ma ogni tentativo di approccio tra il Principe e Adelina si conclude con uno schiaffo proprio come 60 anni prima e il diavolo – prese le sembianze dello chauffeur Max – inizia a perdere ogni speranza di cambiare il corso delle cose e di corrompere la pura Adelina. Inaspettatamente, sarà il Bene rappresentato dalla giovane a farsi largo tra trasformismi e inganni, per un lieto fine in cui finalmente sarà l’amore a trionfare.
Info e prenotazioni: 075.8044359 – www.teatrolyrick.com

Francesca Cecchini

Print Friendly

Manlio Boutique