Tante iniziative per il venticinquesimo anniversario della morte del drammaturgo stabiese.

La stagione teatrale 2011-2012 sarà all’insegna di Annibale Ruccello, il drammaturgo stabiese tragicamente scomparso in un incidente d’auto nel 1986, quando ritornava da Roma insieme all’attore Stefano Tosi. Dopo la morte di Ruccello i suoi testi e la sua drammaturgia sono stati notevolmente considerati fino a consacrarsi come uno dei maestri degli anni ’80 napoletani. Indimenticabili i suoi testi Ferdinando e Le cinque rose di Jennifer.

Il 6 agosto sarà consegnato a Positano il “Premio Annibale Ruccello”, nell’ambito del Positano Teatro Festival curato da Gerardo D’Andrea. Sarà Mario Martone a consegnare il premio al destinatario ancora ignoto.

Il Nuovo Teatro Nuovo dedica al drammaturgo scomparso numerosi spettacoli. Enzo Moscato dal 6 al 16 ottobre porterà in scena Compleanno che da 25 anni ricorda Rucello. Massimiliano Palmese dedicherà sempre a Ruccello Quattro mamme scelte a caso con testi d Arena, Carrino e Virgilio e in scena le attrice De Cicco, Villa, Romano e Martire. Pierpaolo Sepe al Nuovo darà nuova vita a due noti spettacoli di Ruccello: Anna Cappelli con Maria Paiato e Le cinque rose di Jennifer con Benedetto Casillo e Franco Iavarone (anche in scena al San Ferdinando).

Insomma, un anno che ricorderà a pieno uno dei drammaturghi campani, che insieme ad Enzo Moscato ha contribuito notevolmente alla costruzione di una nuova scena urbana teatrale campana.

Rosario Esposito La Rossa

Print Friendly