Al Teatro dell’Orologio, Fausto Paravidino traduce la malattia in un dialogo agrodolce di intima poeticità. In una linearità esile e posticcia, quella dei contorni ferrosi delle sedie, di una...
Continua »